Ma se domani... > Cinema > Recensioni > [Recensione film] A TESTA ALTA di Emmanuelle Bercot

[Recensione film] A TESTA ALTA di Emmanuelle Bercot

a testa alta_poster

Albert Einstein diceva: “Non esistono grandi scoperte né reale progresso finché sulla terra esiste un bambino infelice.”
Dall’alto della sua saggezza non sbagliava. Il legame con l’ultima fatica di Emmanuelle Bercot, A Testa Alta (La Tête Haute), presentata in ouverture al Festival di Cannes 2015 (il film esce in Italia in occasione della giornata mondiale dei diritti per l’infanzia e l’adolescenza), è significativo ai fini della storia e della sua possibile analisi. Qual è il prezzo da pagare per vedere gli occhi di un bambino colmi di gioia e il suo sguardo disteso se durante l’infanzia gli è stato rubato il sorriso?
Un adolescente infelice, un giovane smarrito senza una guida, è l’immagine riflessa allo specchio di una anima triste, avvolta nell’ombra di un apparente cammino di crescita la cui retta via non è mai stata tracciata.

Rod Paradot (Malony) - Photo: courtesy of Officine UBU
Rod Paradot (Malony) – Photo: courtesy of Officine UBU

La mancanza o la ricerca di felicità e il distacco emotivo di un ragazzo che non ha avuto una madre capace di seguirlo passo dopo passo, descrivono la parentesi di un tragico dramma esistenziale, infettato di dolore e solitudine, della vita di un essere umano in perenne equilibrio tra ragione e istinto. Per una società che vuole ampliare i suoi orizzonti in nome di un progresso mirato è fondamentale stabilire un contatto con i cittadini più bisognosi e deficitari, tracciando un percorso ‘educativo’ che garantisca loro un futuro e una graduale integrazione comunitaria.Aiutare il prossimo significa creare benessere, diffondere prosperità tra le masse e donare ad ognuno la consapevolezza di poter camminare a testa alta per diventare una parte importante di una macchina in costante movimento. Dunque, l’unione di una collettività solida e assistita favorisce lo sviluppo auspicabile di un paese, al contrario invece, il lavoro del singolo porta inevitabilmente ad uno sterile risultato.

Catherine Deneuve (il Giudice) e Benoît Magimel (Yann) - Photo: courtesy of Officine UBU
Catherine Deneuve (il Giudice) e Benoît Magimel (Yann) – Photo: courtesy of Officine UBU

Ed è grazie al lavoro di persone che svolgono con passione e fedeltà il proprio mestiere che esiste ancora oggi una ferma speranza per l’avvenire, la volontà di riuscire a cambiare lo stato dei fatti e a sanare l’insanabile. Giustizia, tenacia e solidarietà, il messaggio lanciato dalla regista francese è chiaro: A Testa Alta focalizza l’attenzione su una pagina triste e spiazzante della storia di un minorenne problematico, “out of control”, e di una famiglia ‘adottiva’ che cerca di salvarlo dalla perdizione con tutti i mezzi possibili per guidarlo verso un’ideale strada che porta alla redenzione. Abbandonato dalla madre all’età 6 anni, Malony (Rod Paradot) trascorre la sua vita tra le mura di un tribunale minorile, dove ad accoglierlo trova Florence (Catherine Deneuve), un esperto magistrato prossimo alla pensione, e Yann (Benoît Magimel), un assistente sociale sopravvissuto ad un’infanzia tormentata. L’opera di metamorfosi e l’evoluzione interiore di Malony è lunga e tortuosa e nonostante gli atti di ribellione e le continue opposizioni alle regole, la coppia di tutori continua a lavorare con la convinzione che prima o poi il ragazzo arriverà a cambiare.

Rod Paradot (Malony) - Photo: courtesy of Officine UBU
Rod Paradot (Malony) – Photo: courtesy of Officine UBU

Forte della sua esperienza trascorsa nella giovinezza, quando da bambina andava a trovare lo zio responsabile di un centro di accoglienza per giovani delinquenti, Emmanuelle Bercot è pragmatica nel gestire ‘emotivamente’ e con accortezza il suo operato: con grande capacità legge attentamente le situazioni, utilizza la macchina da presa in modo utile ed essenziale e mette a proprio agio gli attori, lasciandoli liberi di muoversi sulla scena e di sfoderare performance autentiche di incredibile impatto reale. Il film, di stampo autoriale, fotografa lo spaccato sociale della Francia di oggi, dove il sistema e le istituzioni tutelano appieno i diritti dei minori, favorendo l’educazione piuttosto che la repressione e avvalendosi di ottimi rappresentanti che si adoperano con grande umanità e spirito di sacrificio. Tra realtà e attualità, certezze e pregiudizi, A Testa Alta tocca una questione di dominio pubblico, delicata e complessa da trattare, in cui emergono la speranza e la fragilità di un protagonista, l’esordiente Rod Paradot (artefice di una straordinaria interpretazione) e delle sue ‘guide formative’, impersonate da Catherine Deneuve e Benoît Magimel (entrambi brillanti).

Andrea Rurali

Recensione pubblicata in contemporanea anche su CineAvatar.it

Related posts

Comment(1)

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi