Ma se domani... > Cinema > Recensioni > SARA IL MIO TIPO? se ne va a riavvolgere la pellicola per riprendersi il suo sorriso

SARA IL MIO TIPO? se ne va a riavvolgere la pellicola per riprendersi il suo sorriso

SIMT_manifesto

finalmente è giovedì sera, arrivo trafelata al cinema, mi soffermo davanti alla locandina del film e leggo la domanda che troneggia sopra le teste dei due protagonisti, Emilie Dequenne e Loic Corbery

SARA’ IL MIO TIPO?

certo che no

rispondo di getto a mo’ di veggente, la risposta è ovvia ancor prima d’aver messo piede in sala, è lì da vedere, lei così solare, lui così controllato, lei sorridente, lui austero, lo si intuisce chiaramente

lei ama di pancia

lui di testa

è

una storia destinata a finire

se mai avrà inizio

perdiana, fate che non sia vero, mi avvio scoraggiata al mio probabile destino, un altro amore impossibile a minare le speranze di tutti noi, pubblico presente e assente, ah, l’amore, quello vero, fatecelo vivere almeno qui, regalateci una passione indimenticabile per noi tenere Biancaneve, fateci sognare qui ora al buio, tutti i sensi allertati, le orecchie ricettive, gli occhi fissi sullo schermo, in attesa di dolci frasi che ci scaldino il cuore

ah, l’amore

i protagonisti fanno il loro ingresso sullo schermo come una rima alternata, scene di lui Clément, professore di filosofia parigino in via di trasferimento ad Arras, scene di lei Jennifer, avvenente parrucchiera in un salone di bellezza di Arras, tenera madre separata e con un figlio, ancora immagini di lui e poi di lei

lui lei

lui lei

ed eccoli infine

loro due

insieme

Clément e Jennifer si incontrano, lei la parrucchiera lui il cliente, lei gli tocca la testa, gli smuove i capelli e i pensieri, gli propone un nuovo taglio, lui serio e controllato, lei sognante, lui si annoia nella quiete della provincia e tornerà da lei

lui lei

lui lei

ed eccoli infine

loro due

insieme

Photo: courtesy of Satine film
Photo: courtesy of Satine film

siamo tutti pronti a scioglierci teneramente, ma fin dalle prime sequenze sappiamo che non accadrà, lei appare affettuosa e lui anaffettivo, qua e là segnali premonitori, ahimè, invisibili all’ingenua Jennifer, allora diciamoglielo, risparmiamole un’inutile sofferenza, qualcuno si alzi la afferri per le spalle e la scrolli con forza, potrebbe essere nostra figlia, nostra sorella, l’amica del cuore, le vogliamo già bene, mi giro di qua e di là irrequieta, cerco comprensione, che qualcuno intervenga, i visi dei miei vicini sono tesi, intrappolati nella storia, parteggiano tutti per lei, è evidente, vorremmo allontanarla dal precipizio dietro l’angolo, eppure rimaniamo tutti lì immobili, tra ansia e sconforto

sara-il-mio-tipo_img2_courtesy-of-SatineFilm
Photo: courtesy of Santine Film 

il regista ci prende per mano e con delicatezza ci conduce nei meandri dell’innamoramento, i primi approcci, le attese, il batticuore, quei segnali premonitori qua e là per metterci in guardia, i contrasti, le incomprensioni, i sospetti

un crescendo

la trama incalza con abilità della regia e del cast, il racconto è avvincente, la fotografia calibrata, i giochi evidenti

tifiamo tutti per lei

perchè

la si stima

e

le si vuole bene

lei è vera

lui è finto

Photo: courtesy of Satine film
Photo: courtesy of Satine film

 

lui la trasforma, le dipinge gli occhi del colore della tristezza, le strappa il sorriso dal viso e lo getta lontano, lei si incupisce ogni giorno di più finché all’improvviso si ravvede e rifiuta quell’amore malato che lui le ha incollato addosso

lei esce di scena trionfante al ritmo di I will survive e se ne va a riavvolgere la pellicola per riprendersi il suo sorriso

Elisa Bollazzi

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi