Ma se domani... > Cinema > Cineforum – Le vacanze del piccolo Nicolas: la vida es sueño

Cineforum – Le vacanze del piccolo Nicolas: la vida es sueño

Nicolas_poster

stasera gli animi sono leggeri e i visi distesi, c’è aria di vacanze, evviva, lasciamoci tutto alle spalle e partiamo per il mare insieme a bambini scatenati e adulti rilassati, divertiamoci per un’ora e trentasette minuti

si spengono le luci

trascinati da cartoline animate e dai titoli di testa approdiamo in un’altra terra di un passato recente, ci sentiamo subito in festa in uno scenario estivo, allietati da cocktail di musica e colori, si parte da Parigi e tra un’indecisione e l’altra

mare

o

montagna

mare

o

montagna

Nicolas_1_courtesy-of-BIMDistribuzione
Photo: courtesy of BIM Distribuzione

si arriva sulla costa francese, in compagnia di una mamma un papà e il loro figliolo Nicolas, con cui viviamo un’avventura dietro l’altra, una sequela di situazioni e trovate esilaranti, non stiamo più nella pelle, la poltrona ci sta stretta, ci viene voglia di ballare, sentiamo il brio percorrerci da capo a piedi, l’euforia di tutto il pubblico è a mille, ci lasciamo trasportare con sorpresa e stupore lungo sentieri inesplorati da una trama che scorre a ritmo serrato, venata da un’irresistibile comicità paradossale

il piccolo Nicolas entra ed esce magistralmente dalle scene con trovate filmiche inusuali, sogni e visioni, la vida es sueño, disse qualcuno secoli fa, lo si sperimenta da piccoli e pian piano lo si dimentica

Nicolas_2_courtesy-of-BIMDistribuzioneNicolas_2_courtesy-of-BIMDistribuzione
Photo: courtesy of BIM Distribuzione

per tutta la durata del film il regista Laurent Tirard ci sorprende più della vita stessa

voglio capirci di più

mi faccio minuscola e con un balzello m’infilo nella sua mente, la pancia risucchiata all’interno, i glutei nascosti tra le vertebre, mi assottiglio per non farmi vedere, oscillo come una ballerina della Scala, mi fermo di scatto, allungo un orecchio e ascolto la voce della creazione, proseguo di lato con prudenza, la quiete nel cuore, un guizzo qua e uno là, procedo cauta tra la sua immaginazione per trovare il segreto di tanta abilità, viene in mio soccorso il solito occhio curioso, il destro, che adocchia una bacchetta magica, seminascosta in un angolo

svelato l’arcano

mi pareva

ritorno sui miei passi e mi reimmergo nella trama di cui ho sicuramente perso qualche fotogramma, ahimè, ma ne valeva la pena

un film per grandi e piccini, intelligente e stratificato, un cammeo di umorismo in bilico tra farsa e serietà, realismo e fumetto, gli attori danno il meglio di sé passando da un registro all’altro con invidiabile elasticità, la regia è impeccabile, ma già lo si è detto

Nicolas_3_courtesy-of-BIMDistribuzione
Photo: courtesy of BIM Distribuzione

un film che dà speranza ad animi e intelletti, da emulare nella sua struttura per trovare nuove strade di vita in questo strambo mondo contemporaneo

la vida es sueño

Elisa Bollazzi

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi