Ma se domani... > Cinema > Recensioni > 38 testimoni – Louise se ne va via per sempre

38 testimoni – Louise se ne va via per sempre

38-testimoni_poster

è

buio

in sala

il pubblico tace

e

lo schermo colora di grigio

una scena

dopo

l’altra

la trama si srotola a balzelli tra infinite linee verticali

macchinari

ringhiere

finestre

colonne

grate

di

Le Havre

città portuale francese

mi intrufolo guardinga nella storia alla ricerca dei 38 testimoni suggeriti dal titolo, avanzo cauta, il capo mobile, me li aspetto stipati dietro ogni angolo, ammassati su una terrazza o pigiati su un autobus quando d’un tratto la macchina da presa zooma su inquietanti macchie di sangue schizzate ovunque da cui rimbalza la notizia di una giovane donna massacrata nell’androne di un palazzo durante la notte

il gelo cala sul pubblico attento

la procedura che ne consegue è la stessa di sempre

nella vita                                             e                                              al cinema

polizia
ambulanza
sopralluoghi
interrogatori
ispezioni
sospetti
alibi

quei 38 testimoni che non avrei mai trovato se il regista Lucas Belvaux non mi avesse presa per mano e condotta da loro con tanta premura, sono vicini di casa della vittima, ognuno chiuso in se stesso nel proprio appartamento, nascosti dietro a rigide maschere di freddezza, 38 vite rovinate, un quartiere distrutto, un macigno al posto del cuore

tutti e 38 dichiarano agli investigatori di non essersi accorti di nulla perché immersi in un sonno profondo, ma sappiamo tutti fin dall’inizio che stanno mentendo e la consapevolezza dell’indifferenza si trasforma in rabbia che ci inchioda alle poltrone

immaginiamo quei 38 testimoni codardi nei loro letti caldi, gli occhi serrati, le mani sulle orecchie per impedire alle urla strazianti di raggiungere l’anima mentre stanno lasciando accadere l’accaduto

38_temoins_yvan_attal_source FilmTV

solo Pierre, compagno di Louise assente giustificata quella notte, appare visibilmente lacerato da sentimenti discordanti, lui c’era e ha sentito tutto, lo sappiamo, è evidente, ce lo ricorda più volte la sua coscienza materializzata in un fantomatico dirimpettaio che lo osserva e lo giudica

Pierre tira le tende per non vederlo e Louise le apre
Louise apre le tende e Pierre le richiude

finché crolla

e

confessa alla polizia

la sua omissione di soccorso

scompigliando le carte in tavola

38_temoins_yvan_attal_sourceFilmTV_4

le nostre menti veloci rimettono tutto in discussione e risistemano i tasselli del mosaico, il tempo è poco e la storia prosegue serrata, ci aggrappiamo tesi ai braccioli, ci stringiamo ai nostri vicini in cerca di calore umano, chi dobbiamo temere di più, l’aggressore ancora libero chissà dove oppure quei 38 testimoni, mi sussurra nell’orecchio la mia vicina di destra, saggia come sempre

la ricostruzione dell’aggressione ci atterrisce, visualizziamo la scena, vediamo la ragazza indifesa nelle mani del suo assassino, bionda e fragile, viviamo il suo sgomento, le sue grida si incollano alle nostre orecchie lasciando tracce indelebili, udiamo il tonfo del suo corpo esanime a terra e infine l’affanno dell’aggressore in fuga

ora sappiamo cosa è realmente accaduto, lo sa Louise, la polizia, la stampa, la città e perfino il pubblico assente

serpeggiamo

sbigottiti

tra

mille

nuove

sensazioni

 

Pierre vuole essere punito perchè

ha sentito tutto, ma non ha fatto nulla

e

Louise se ne va via per sempre

 

Elisa Bollazzi

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi