Ma se domani... > Cinema > Anche un fan di Star Trek può promuovere Star Wars 7

Anche un fan di Star Trek può promuovere Star Wars 7

star-wars-il-risveglio-della-forza_poster

 

Giorni fa mi è stato chiesto quali fossero le impressioni provate vedendo il nuovo film di Star Wars che sta polverizzando qualsiasi record mondiale ottenuto da pellicole precedenti. All’ennesima esclamazione “intanto tu sei una fan” un fiume di parole si è riversato sulla tastiera perché Il Risveglio della Forza mi è piaciuto ma sono fan di ben altra serie. Il pezzo originale era troppo lungo per un approfondimento collettivo di redazione (che trovate QUI), chi ha letto il testo mi ha incitata però a conservarlo e pubblicarlo in un momento successivo. L’Epifania chiude il periodo festivo e – a meno di capovolgimenti improvvisi (che con Guerre Stellari possono accadere) quelle che seguono saranno tra le mie ultime – personalissime – righe prima dell’Episodio 8.

 

StarWarsvsStarTrek

 

Sono quarant’anni che le persone avulse dalla fantascienza confondono la saga cinematografica ideata da George Lucas con la serie TV nata dalla mente di Gene Roddenberry. Mettiamo un punto fermo: Star Wars non è Star Trek e non lo sarà mai. Qui non ci sono esploratori intergalattici, di sicuro non regna un’idilliaca pace interstellare e nessuna nave spaziale è alla ricerca di un primo contatto con nuove forme aliene. Questo è Star Wars e il settimo episodio della serie è l’ennesimo capitolo di una storia imperniata su falsi idoli, dittatori senza anima (e vita ?) e un manipolo di resistenti che si muovono in un tempo molto simile all’evoluzione catastrofica del nostro presente. Il male ha temporaneamente – speriamo – la meglio e lascia solo le briciole alle forze di un bene alquanto malconcio. Grande metafora della pessima era che stiamo vivendo con non poche bacchettate, ben visibili a coloro che hanno voglia di trovare le similitudini con la realtà fuori dalla finestra. Perché Il Risveglio della Forza sta conquistando tutti? Perché ci possiamo immedesimare in quel disastro sociale e nella voglia di riscatto, perché siamo ogni giorno a caccia di eroi e leader carismatici in cui riversare le nostre speranze, perché il plot ha meno filosofia e maggiori esplosioni, rincorse, ironia, sottile sentimento e in esso ci possiamo perdere e dimenticare. Tutti elementi che tanto piacciono alle generazioni 2.0 e meno a chi è caccia di sostanza e si nutre di fine arte del narrare per immagini, senza per forza essere nostalgici di Kubrik. Forse, sono solo figlia degli anni ‘70, le opere del maestro le ho subìte e la prima trilogia lucasiana ai miei occhi di bimba era permeata di eccessiva tragedia e tristezza.

La USS Enterprise - Photo: courtesy of CBS Studios Inc
La USS Enterprise – Photo: courtesy of CBS Studios Inc

Amo Star Trek perché, al di là degli scontri (che peraltro non mancano anche ai confini della Federazione), dona speranza e fa sognare lo spettatore. Non lo immerge nella miseria umana per scuoterlo ma gli mostra quante belle cose potrebbe raggiungere grazie alle sue innate, meravigliose, qualità. Un messaggio che ho custodito gelosamente sino all’età adulta. Credo che la curiosità, la tolleranza, l’arte del mediare, un sorriso e la bellezza siano in grado di salvarci dall’ombra di noi stessi. Allora evviva i maldestri aspiranti-cattivi, gli avidi servitori che scivolano nella propria bramosia di potere, i novelli eroi con gli occhi a cuore dalle improbabili risorse, di cui neanche loro si capacitano, e le altre figure che popolano questo settimo Star Wars, film che da oggi mi sta un po’ più simpatico. Ma – oggi – le Guerre Stellari sono passate sotto l’egida di Disney, fabbrica indiscussa delle migliori favole, e la macchina da presa è nelle mani di J.J. Abrams, maestro di suspense e di travolgenti azioni. Meno malinconia, più furore, occhiolino strizzato ai giovani e inchino alla nuova figura femminile, segnano una indiscussa virata della saga verso il secondo millennio e io, improvvisamente, mi ammorbidisco e subisco, una volta in più, il fascino di Abrams.

Si, anche una trekkie può amare Il Risveglio della Forza e, forse, proprio per tutte quelle imperfezioni che altri vedono, io no.

Vissia Menza

n.d.r. cliccando sulle parole in evidenza (rosso) potrete leggere la recensione ed altri approfondimenti sul film

star-wars-7_millennium-falcon_courtesy-of-TheWaltDisneyCompanyItaliastar-wars-7_millennium-falcon_courtesy-of-TheWaltDisneyCompanyItalia
Il Millennium Falcon – Photo: courtesy of The Walt Disney Company Italia

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi