Ma se domani... > Arte > COSE DA FARE a Pasquetta in Ticino: EVENTI gratuiti e novità in MOSTRA

COSE DA FARE a Pasquetta in Ticino: EVENTI gratuiti e novità in MOSTRA

tulipani_pasquetta

Siamo infine arrivati al ponte di Pasqua e tradizionalmente i pranzi sono saporiti, più sostanziosi e sfiziosi del pasto frugale a cui siamo abituati durante la settimana lavorativa. È parimenti tradizione di questa festa, lasciarsi sedurre dalla passeggiata pomeridiana, possibilmente a sfondo culturale, che talvolta si trasforma in una vera e propria gita fuori porta, soprattutto se si tratta – come nel nostro caso – del Lunedì dell’Angelo. Dato il clima ballerino e le molte mostre inaugurate in occasione dell’equinozio di primavera, abbiamo deciso di dedicare il nostro Speciale Pasquetta 2016 agli eventi gratuiti adatti a grandi e piccini e ad alcune temporanee che hanno debuttato nelle terre ticinesi.

Partendo con un occhio di riguardo ai più piccoli ecco le nostre segnalazioni.

Oltre ai tradizionali mercatini e i concerti folcloristici, il comune di Lugano ha organizzato in centro città attività ludiche e una simpatica caccia alle uova di Pasqua nella cornice, rispettivamente, di piazza Manzoni (una vera e propria ludoteca itinerante con Ludobus Macramé) e del Parco Ciani (dalle 10:30 alle 15:00), i cui partecipanti di tutte le età potranno divertirsi e alla fine condividere un merenda offerta dalla municipalità. QUI il pieghevole con il programma completo.

Spostandoci nel Sopraceneri, è invece da segnalare il grazioso mercatino di Arcegno (vicino a Losone) con articoli tipici dell’artigianato locale, giocattoli, oggetti in tema con questi giorni di festa e prodotti gastronomici, che si terrà però solo col sole (altrimenti verrà rinviato al 2 Aprile). In alternativa, soprattutto in caso di maltempo, potete trovare rifugio ai Termali Salini di Locarno, i più grandi bagni termali del Cantone che, nonostante ospitino una vasca su due piani di acqua salata, sorgono direttamente a bordo lago. Un’ottima soluzione per godersi la famiglia in totale relax e sicurezza, in un ambiente che ricrea le valli Ticinesi, con le sue cascate e grotte che rendono la permanenza ancor più suggestiva.

pasquetta-locarnese
Una foto di Arcegno (sx) e uno scatto dei Termali Salini di Locarno (dx)

Chi fosse nel locarnese non può lasciarsi sfuggire una, seppur fugace, esplorazione di una delle architetture più vivide, moderne, ecettiche del centro città. A pochi passi da Piazza Grande, dal 2014 troneggia un meraviglioso cubo rosso, sede della Ghisla Art Collection. Una costruzione eccentrica ma non disturbante, sontuosa, ariosa, magnetica, che inizialmente vi sorprende e poi vi attira al suo interno.

Appena varcata la soglia della Fondazione, verrete travolti da un’ondata di bellezza: è la collezione permanente che vi dà il benvenuto. Superato l’impatto, emotivamente coinvolgente, di quelle stanze che meritano molte più righe (lo faremo a breve), questo lunedì ci concentriamo sull’ultimo piano in cui sono ospitati François Morellet e Grazia Varisco, due artisti diversi ma complementari, le cui creazioni dialogano tra loro e stimolano la nostra fantasia.

Morellet e Varisco hanno già condiviso gli spazi in passato. Seppur con uno stile differente, tutto appare in sintonia e armonia. In un ambiente caratterizzato dalla luce diffusa e dal candore delle pareti, ci si convince di poter sentire le vibrazioni che le opere emanano e si scambiano. Regna la quiete, dominano le linee,  forte è  l’invito a partecipare e non sentirsi esclusi. La parola d’ordine è relazione. Visibile è la sperimentazione di chi crea e la gioia di chi guarda.

ghisla art_ESTERNO_copyright FOTOEARTE SA
L’esterno di Ghisla Art Collection © FOTOEARTE SA

Parlando di architetture uniche, prima di lasciarvi scegliere cosa vedere, è doverosa un’ulteriore segnalazione. A Lugano, il riva al lago, al fianco di un antico palazzo da poco restaurato, in cui spiccano due maestose cariatidi, è stato costruita una nave, un palazzo che pare una prua, una struttura geometrica dal colore che riprende lo specchio d’acqua che ha ai suoi piedi: è il LAC.

Il nuovo polo culturale della città sul Ceresio è mastodontico nella forma e nel cartellone e il fermento artistico a sud del Monte Ceneri si tiene entro le sue marmoree mura. Al momento ben sei sono le esposizioni che potrebbero fare al caso vostro. Oltre alla Collezione, spiccano la personale dell’artista elvetico Markus Raetz, grande sperimentatore della percezione che con le sue istallazioni coinvolge il visitatore, Aleksandr Rodčenko e il Giardino Enciclopedico di Armand Schulthess. L’elenco aggiornato degli eventi è disponibile sul portale ufficiale (QUI).

Chiudiamo ricordandovi che cliccando sulle immagini sottostanti, potrete leggere gli approfondimenti dei giorni scorsi sulle meraviglie che vi aspettano, oggi come nei mesi a venire, rispettivamente alla Pinacoteca Züst di Rancate e al Museo Comunale di Arte Moderna di Ascona. I due spazi espositivi hanno, infatti, appena alzato il sipario su due temporanee che, nella loro diversità, presentano entrambe un legame con la terra che le ospita: con Arte. Argenti e Antichità, la Pinacoteca omaggia il suo benefattore a 40 anni dalla morte, mentre con Duchamp Dada e Neo-Dada si celebrano i 100 anni dalla nascita del movimento artistico zurighese, i cui esponenti passarono per Ascona.

Vissia Menza

n.d.r. le parole in rosso contengono, come di consueto, link a pagine con approfondimenti

 

pinacoteca-zust
Clicca sulla foto della Pinacoteca Züst per leggere la scheda della mostra Arte. Antichità. Argenti.
museo-ascona
Clicca sulla foto del Museo Comunale di Arte Moderna di Ascona per leggere la scheda della mostra Marcel Duchamp Dada e Neo-Dada

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi