Ma se domani... > Cinema > Uscite della settimana > IL BELLO, IL BRUTTO, IL CATTIVO: i film in uscita il 31 marzo

IL BELLO, IL BRUTTO, IL CATTIVO: i film in uscita il 31 marzo

BBC-rubrica

I FILM IN USCITA AL CINEMA IL 31 MARZO

Come ogni settimana, torna l’appuntamento con “Il Bello, Il Brutto, Il Cattivo”, la rubrica dinamica e veloce con consigli mirati, pungenti ed efficaci per guidarvi alla scoperta dei film più significativi e delle novità cinematografiche del momento.

FILM IN EVIDENZA

LA COMUNE
di Thomas Vinterberg con Ulrich Thomsen, Fares Fares, Trine Dyrholm, Julie Agnete Vang
(drammatico)

Danimarca, anni ’70. Un giorno Erik eredita la bellissima ed enorme casa di famiglia e si lascia convincere dalla moglie Anna che sarebbe un sogno trasferircisi con la figlia Freja. Al fine di riuscire a coprire le spese chiedo ad alcuni amici di andare a vivere con loro e in poco tempo prende forma una vera comune. Inizialmente la vita nella villa è una meraviglia: c‘è gioia, compagnia e i problemi assumono tutta un’altra forma quando affrontati in gruppo. La condivisione è sinonimo di armonia sino al giorno in cui una storia d’amore irrompe tra le mura domestiche e incrina l’idillio che si era venuto a creare. A questo punto i due protagonisti si ritrovano con una durissima prova da superare.

La Comune è l’ultima fatica di Thomas Vinterberg, presentata in concorso alla Berlinale 2016, che è valsa un meritatissimo Orso d’argento alla sua protagonista: la meravigliosa Trine Dyrholm che con il potere dello sguardo ha dato una gran lezione di recitazione a tutti. La sua Anna è magnetica, è intensa, è magnifica, è tutta da scoprire. A Berlino la sala respirava con lei, tifava per lei, voleva trasformarsi in lei.

La pellicola è un dramma narrato in modo quieto, accarezzato da una dolce fotografia, che regala alcuni sorrisi e riconferma l’abilità del cineasta danese di esplorare il lato più fragile dell’essere umano. Emozionante.

LOVE AND MERCY
di Bill Pohlad con Paul Dano, John Cusack, Elisabeth Banks, Paul Giamatti
(biografico)

Love and Mercy è un film biografico del 2014, seconda prova dietro la macchina da presa del produttore Bill Pohlad. Protagonisti sono Paul Dano e John Cusack, entrambi nei panni di Brian Wilson, il leader, cantante e co-fondatore della mitica band dei The Beach Boys.

La trama ripercorre la vita dell’artista partendo dalla sua gioventù per arrivare ai duri momenti durante la mezza età in cui, oramai in balia dei farmaci, era dato per spacciato. Sarà la conoscenza della (attuale) moglie Melinda a salvarlo e ridagli un futuro, in cui la musica potesse riprendersi il suo spazio.

L’opera di Pohlad, presentata fuori concorso lo scorso anno al Festival Internazionale del Film di Berlino, cerca di narrare con accuratezza alcuni momenti delicati del passato di Wilson e, in questo viaggio dagli anni ’60 agli ’80, non disdegna le note che hanno eternato il gruppo musicale californiano. E tra un sorriso e un sospiro ci ritroviamo assorbiti da una storia che ha dell’incredibile per poi scoprire che proprio quelle parti che credevamo assurde erano le meno romanzate di un prodotto che è – e rimane – un film d’intrattenimento, recitato da un sempre ottimo Paul Dano. Love and Mercy è una di quelle storie vere che sembrano nate per finire su grande schermo. Equilibrato.

DESCONOCIDO – Resa dei Conti
di Dani de la Torre con Luis Tosar, Javier Gutiérrez, Elvira Mínguez, Fernando Cayo
(drammatico, thriller)

Dani de la Torre debutta alla regia con il travolgente e claustrofobico Desconocido – Resa dei Conti, thriller spagnolo che fa leva sulla tensione e vive di frangenti di pura concitazione emotiva, in un terremoto narrativo di sconcertante coincidenza tra realtà e finzione. Presentato in apertura ai Venice Days dell’ultima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e passato in rassegna al festival Capri Hollywood riscuotendo una calorosa accoglienza da parte del pubblico, il film fonde l’intrattenimento con una feroce critica sociale sullo spaccato contemporaneo, analizzando con lucidità il comportamento cinico e spregiudicato del sistema bancario e delle scottanti rilevazioni che hanno provocato drammatiche conseguenze umane.

Carlos (Luis Tosar) è un ambizioso direttore di banca che ha raggirato i suoi clienti, portandoli al lastrico dopo avergli consigliato di investire i propri capitali in fondi instabili e fallimentari. Improvvisamente, Carlos finisce per ritrovarsi vittima di un estorsione terrificante dalle apparenti vie d’uscita e una telefonata anonima trasformerà ben presto la sua tranquilla giornata, in una folle corsa contro il tempo: un nemico invisibile è intenzionato a recuperare tutti i suoi soldi, fino all’ultimo centesimo. Una parabole cinica e spietata che riporta alla mente le atmosfere cupe e magnetiche di Locke e regala sorprendenti lampi d’azione dalle forti influenze orientali. Sceneggiato da Alberto Marini e interpretato da uno strepitoso Luis Tosar (Cella 211), il film vanta otto candidature ai prossimi premi Goya, tra cui Miglior Regista Esordiente e Miglior Attore. Profetico.

13 HOURS: THE SECRET SOLDIERS OF BENGAZI
di Michael Bay con John Krasinski, Pablo Schreiber, James Badge Dale, David Denman
(thriller, azione, guerra)

Accantonata (per il momento) l’epopea roboante dei Transformers, l’esuberante Michael Bay si cimenta in un territorio inconsueto e differente dal suo genere di riferimento, per dirigere un action thriller intriso di atmosfere belliche mettendo in campo il suo stile ipertrofico, energico e spettacolare.

Adattamento del libro 13 Hours di Mitchell Zuckoff, il film segue la vicenda di una squadra di sicurezza americano che, nel giorno dell’11° anniversario dagli attentati terroristici di New York, si schiera in difesa dei propri connazionali per contrastare l’offensiva di un gruppo di militari islamici, artefici di un terribile attacco al campo base diplomatico degli USA in cui persero la vita quattro persone, tra cui l’ambasciatore degli Stati Uniti, J. Christopher Stevens. Un’intesa prova di orgoglio, determinazione e coraggio condurrà i protagonisti in un vortice di azione, ritmo e tensione, in grado di lasciare il pubblico con il fiato sospeso. Adrenalinico.

RACE – IL COLORE DELLA VITTORIA
di Stephen Hopkins con Stephan James, Jason Sudeikis, Jeremy Irons, William Hurt, Carice van Houten
(drammatico, biografico, sportivo)

Correre. Spirito e mente al servizio di un corpo dalle infinite possibilità, sorretto da una forza di determinazione capace di abbattere qualsiasi ostacolo ed entrare inesorabilmente nella leggenda. È l’uomo dei record Jesse Owens il protagonista di Race – Il Colore della Vittoria, biopic diretto dal regista di Lost in Space Stephen Hopkins. Tra speranza e riscatto, volontà e fermezza, Owens fu l’eroe delle Olimpiadi di Berlino del 1936 diventando una delle personalità sportive più straordinarie e illustri di tutti i tempi.

L’epica vittoria di quattro medaglie d’oro, conquistate in specialità differenti davanti agli occhi di Adolf Hilter, entrò indelebilmente nella storia, portando alla deflagrazione del mito della razza ariana, contro ogni credo ideologico di superiorità ipotizzato e imposto dal regime nazista. Interpretato da Stephan James (Selma – La strada per la Libertà), nel ruolo di Owens, Jason Sudeikis, Jeremy Irons, William Hurt e Carice van Houten, il lungometraggio approda al cinema in occasione dell’Ottantesimo anniversario dei Giochi Olimpici del ’36. Avvincente.

UN BACIO 
di Ivan Cotroneo con Rimau Grillo Ritzberger, Valentina Romani, Leonardo Pazzagli, Simonetta Solder
(commedia, drammatico)

Dopo l’esordio alla regia con La kryptonite nella borsa e il successivo Il Natale della Mamma imperfetta, Ivan Cotroneo torna dietro la macchina da presa per raccontare una storia di amore e amicizia nel microcosmo adolescenziale, scavando nei meandri più profondi di una sfera delicata e complessa, in cui i ragazzi si trovano a convivere con i problemi quotidiani e l’incapacità di accettare sé stessi e gli altri.

Lorenzo, Blu e Antonio sono tre giovani di sedici anni e frequentano la stessa classe nel liceo di una piccola città del nord est. Ognuno di loro, per motivi differenti, viene emarginato dagli altri compagni. Isolati e vittime di bullismo da parte dei coetanei, i tre riescono a resistere grazie all’amicizia che li lega e al supporto delle rispettive famiglie, fino a quando dovranno fare i conti con una serie di situazioni complicate da gestire. Un Bacio è una pellicola attenta che stimola la riflessione e mostra come il raggiungimento della felicità da parte dei giovani sia frutto di un percorso personale, animato dalla fantasia e dalla voglia di scappare da una realtà talvolta dura e difficile da affrontare.

USTICA
di Renzo Martinelli con Caterina Murino, Tomas Arana, Marco Leonardi, Lubna Azabal
(drammatico)

Reduce da opere ideologicamente impegnate e politicamente schierate, Renzo Martinelli torna al formalismo del cinema d’indagine, dopo aver diretto Porzus e in Vajont, per far luce su una tragedia italiana avvolta dal mistero e colma di zone d’ombra: la strage di Ustica.

Il 27 giugno 1980, un DC9 della compagnia aerea ITAVIA scompare dal raggio di copertura degli schermi radar senza emettere alcun segnale di emergenza e si scaraventa tra le isole di Ponza e Ustica, causando la morte di 81 persone. Determinati a fare chiarezza e a scoprire la verità, la giornalista siciliana Roberta Bellodi, che perso la figlia in quella tragica notte, e il deputato Corrado di Acquaformosa, cercano di capire cosa si cela dietro il disastro del DC9, restando coinvolti in un labirinto di depistaggi, occultamento di prove e testimoni chiave.

Affrontando un argomento scomodo con un rigore narrativo tipico delle opere di denuncia radicate nella tradizione cinematografica del nostro paese, Martinelli utilizza un approccio lineare e realistico per proporre con fermezza una tesi sugli eventi, scavando in profondità e smantellando le numerose ipotesi avanzate durante gli anni. Esplicativo e delucidatore.

ALTRI FILM IN USCITA

L’ULTIMA TEMPESTA
di Craig Gillespie con Chris Pine, Casey Affleck, Ben Foster, Holliday Grainger, John Ortiz, Eric Bana
(drammatico, biografico)

L’Ultima Tempesta è un avvincente film d’azione che racconta uno dei più grandi salvataggi in mare per recuperare un gruppo di marinai in balia di una terribile tempesta.

Il 18 febbraio 1952, una terribile tempesta colpisce il New England, devastando intere città della costa orientale e devastando le imbarcazioni che sfortunatamente si trovano nella sua traiettoria. Fra queste, la SS Pendleton, una petroliera T-2 diretta a Boston, viene letteralmente spezzata in due: i 30 marinai intrappolati a poppa sono destinati a un rapido naufragio. Il primo ufficiale di bordo Ray Sybert (Casey Affleck) si rende conto di dover far fronte all’emergenza: esorta gli uomini a mettere da parte le loro divergenze e a collaborare per riuscire a superare una delle peggiori tempeste che si siano mai abbattute sull’East Coast. Nel frattempo, la notizia del disastro raggiunge la Guardia Costiera di Chatham, nel Massachusetts. Il Sergente Maggiore Daniel Cluff (Eric Bana) dà ordine di effettuare una rischiosa operazione per mettere in salvo i naufraghi: quattro uomini guidati dal Capitano Bernie Webber (Chris Pine), si imbarcano su una scialuppa di salvataggio dal motore difettoso, quasi sprovvisti di reali mezzi di navigazione, contro onde di 18 metri, venti sferzanti e temperature glaciali.

ON AIR – STORIA DI UN SUCCESSO
di Davide Simon Mazzoli con Marco Mazzoli, Chiara Francini, Katy Saunders, Tetyana Veryovkina, Fiammetta Cicogna, Marco Mazzocca

Marco Mazzoli – il Dj più seguito della radiofonia italiana, ma anche il più controverso – racconta la storia del suo sogno divenuto realtà, tra scherzi senza vergogna, impensabili retroscena, gelosie, tradimenti, querele, aneddoti irresistibili; ma anche la lunga strada che, passando per l’infanzia in America e la gavetta nelle radio locali fra Como e Milano, lo ha portato al successo e alla creazione del suo programma culto: Lo Zoo di 105.”

Ispirato al best seller “Radiografia di un DJ che non piace” edito da Rizzoli nel 2011, oggi Best BUR, il film unisce passato e presente per raccontare l’avventura di una vita, quella di Mazzoli, in cui amori, viaggi, amicizie, ma anche amarezza e sconfitte si susseguono fino alla realizzazione del suo progetto di vita.

BILLY IL KOALA
di Deane Taylor 
(commedia d’animazione)

Billy è un cucciolo di koala dotato di una fervida immaginazione e di un enorme coraggio. Vuole diventare un grande avventuriero proprio come suo padre, il più grande esploratore di tutti i tempi! Quando, dopo 1 anno, il papà di Billy non torna a casa dopo una delle sue leggendarie avventure, Billy decide di lasciare la sua piccola città e partire, da solo, alla ricerca del padre scomparso.

Percorrendo nel suo viaggio i caldi deserti australiani incontra Nutsy, una piccola Koala dello Zoo, e Jacko, un ansioso e simpatico clamidosauro. Insieme, tra mille ostacoli, i nostri giovani esploratori dovranno cercare di rimanere uniti ed essere molto coraggiosi e svegli per riuscire a portare a termine la loro missione, ritrovare il papà di Billy e tornare a casa sani e salvi.

Vissia Menza & Andrea Rurali
Articolo pubblicato anche su CineAvatar.it

n.d.r. un clic sui link in rosso per leggere le recensioni

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi