Ma se domani... > Cinema > Recensioni > Al Cineforum – Dio esiste e vive a Bruxelles: sento la paura sulla pelle

Al Cineforum – Dio esiste e vive a Bruxelles: sento la paura sulla pelle

dio esiste e vive a bruxelles_poster

entro in sala mi siedo e mi ritrovo intrappolata nelle grinfie di un Dio in vestaglia, trasandato, cinico che dal suo computer controlla tutti gli eventi dell’umanità

Dio esiste e vive a Bruxelles - Foto Kris Dewitte
Foto © Kris Dewitte

dapprincipio sorrido nel riconoscermi anch’io vittima di una legge di Murphy divinizzata, ma poco dopo ne sono infastidita, così come chi mi sta intorno, mi pare di intuire dall’irrequietezza nell’aria e da un disagio palpabile

quanta malvagità

proviamo tutti tenerezza per la povera moglie umiliata e comprensione per Ea, la figlia maltrattata che si ribella al padre manomettendogli il computer e rivelando a tutti gli abitanti della Terra la loro data di morte con le inevitabili conseguenze. Ea riesce a fuggire dalla decennale prigionia per trovare una sua vera dimensione nella realtà di tutti giorni, siamo tutti con lei, la incitiamo mentalmente, scappa, forza, trascinati giù nel cestello senza fondo della lavatrice, brava, ce l’hai fatta, con un balzo sei tra noi, subito alla ricerca di quei 6 nuovi apostoli che l’amato fratello ti ha suggerito di trovare

dio-esiste_Ea_photo-by-Ricardo-Vaz-Palma
Foto © Ricardo Vaz Palma

il padre ovviamente la insegue per rimediare ai danni

la trama prosegue fitta di improbabili eventi grotteschi, gag inverosimili, umorismo innaturale, metafore, riferimenti cinefili, uno dietro l’altro, più spesso uno sull’altro, ci manca il tempo di fiatare, sono in balia di un vortice fagocitante tra immagini e situazioni pseudo dada, l’inganno c’è, non voglio cadere nella trappola, dada era ben altra cosa

la trama assume le sembianze di un albero da potare

è troppo

basta

lasciateci

respirare

dio esiste ee vive a bruxelles_catherine deneuve
Foto: ufficio stampa

il padre trova Ea e qualcosa accade ma mi distraggo origliando una conversazione tra i miei vicini

cosa ti viene in mente pensando ai numeri 6 12 e 18 ?

la tabellina del 6

sorrido, sorridiamo, una risata soffocata colpisce un po’ tutti noi lì intorno, penso anch’io alla risposta e mi sovviene un cruciverba di qualche mese fa, molto simile, difficile da completare, sei erano le lettere, la prima una C, la terza una B e la sesta una A, forse la quinta una L mi suggeriva mia figlia, ricordo, mi verrà in mente, questi numeri hanno qualcosa di inquietante

sento la paura sulla pelle

6

12

18

nel frattempo il film finisce e usciamo tutti con reazioni come al solito così contrastanti da non capirne la ragione, so che avrò un sonno disturbato e la settimana in attesa della prossima proiezione sarà appesantita da questo fardello

Elisa Bollazzi

n.d.r. A questo LINK potete leggere la recensione scritta in occasione dell’uscita al cinema del film

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi