Ma se domani... > Arte > Ben Vautier e la sua arte al Monte Verità

Ben Vautier e la sua arte al Monte Verità

Ben-Vautier-al-Monte-Verità
Ben Vautier al Monte Verità © MaSeDomani

C’era una volta un bambino, si chiamava Ben. Ben era curioso e amava viaggiare. Dall’Italia all’Egitto, sino alla Turchia e pure la Grecia, poi via verso Nizza dove si ferma. Li inizia a creare. Va e viene, vola a Londra, ma non solo, seduce anche l’America. Le decadi scorrono e la sua arte si afferma. Inizialmente subisce il fascino di Duchamp, poi è assorbito dai colleghi in Fluxus ma Ben è un vero artista ed è impossibile frenarlo. Ama l’arte, anzi, la odia, no, la ama o meglio, è parte di lui, le dà forma ogni giorno, la respira, è la sua essenza. Ben è davvero inarrestabile. Scultura, pittura, poesie, La Différence, un atlante etno-linguistico, arginare la sua ricerca, la voglia di osare, la sua energia e creatività, è impensabile. Oggi ha scollinato gli ottanta, un volo aereo si può tramutare in una sofferenza ma Ben Vautier è ancora un fiume in piena, è travolgente e trascorrere del tempo con lui è un’iniezione di vita più unica che rara.

Al Monte Verità, in linea d’aria proprio sopra il Museo Comunale d’Arte Moderna di Ascona – che dal 25 marzo sta ospitando la mostra Marcel Duchamp Dada e Neo-Dada (QUI le nostre righe) – presso la Casa dei Russi, si può scoprire una piccola personale di Ben Vautier, inaugurata lo scorso fine settimana da lui stesso. Sotto un inaspettato sole di primavera, all’aria aperta, pennarello alla mano, l’ora è stata indimenticabile. Puntando sull’eterno divenire e la necessità di assecondare le proprie passioni/ossessioni d’artista, facendo perno sulle domande a lui care e su quell’ego da cui ognuno di noi non può prescindere, e passando dall’inglese al francese con un tocco di tedesco, abbiamo chiacchierato e assistito a una vivace performance/presentazione come ne vorremmo vedere più spesso.

Purtroppo l’istrionico artista è già tornato in Costa Azzurra ma la piccola e raccolta esposizione a lui dedicata sarà visitabile sino al 20 maggio 2016. Il consiglio è di associarla all’intrigante e colorata mostra in città o alle giornate letterarie che si terranno al Monte Verità da domani sino alla prossima domenica, nella cornice della Primavera Locarnese.

Per maggiori informazioni www.monteverità.org  e www.museoascona.ch

Vissia Menza 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi