Ma se domani... > Cinema > Uscite della settimana > IL BELLO, IL BRUTTO, IL CATTIVO: i film in uscita il 12 maggio

IL BELLO, IL BRUTTO, IL CATTIVO: i film in uscita il 12 maggio

bbc film in uscita al cinema

I FILM IN USCITA AL CINEMA IL 12 MAGGIO

Come ogni settimana, torna l’appuntamento con “Il Bello, Il Brutto, Il Cattivo”, la rubrica dinamica e veloce con consigli mirati, pungenti ed efficaci per guidarvi alla scoperta dei film più significativi e delle novità cinematografiche del momento.

FILM IN EVIDENZA

MONEY MONSTER
di Jodie Foster con Julia Roberts, George Clooney, Jack O’Connell, Caitriona Balfe, Dominic West
(thriller)

A distanza di cinque anni da Mr. Beaver, Jodie Foster riprende le redini della cinepresa per firmare la sua quarta regia con Money Monster, thriller solido ed ermetico che produce tensione in un’escalation costante di ansia, paura e nevrosi.

Lee Gates (George Clooney) è un presentatore bizzarro e sopra le righe che si occupa della conduzione di un programma televisivo incentrato sulla finanza, il Money Monster. Un giorno, durante la trasmissione, viene preso in ostaggio da un uomo armato, Kyle Budwell (Jack O’Connell), che minaccia di ucciderlo per via dei fallimentari suggerimenti d’investimento che lo hanno ridotto al lastrico. Deciso a compiere la sua vendetta, il sequestratore giura in diretta tv di far esplodere l’edificio se non avrà delle risposte soddisfacenti circa il tracollo delle azioni della multinazionale sulla quale  ha investito, che ha polverizzato 800 milioni di dollari nell’arco di una sola giornata, spazzando via i risparmi e i sogni di milioni di clienti, inclusi i suoi. Tra dubbi, compromessi e momenti di riflessione, emergerà una bruciante verità e un incredibile raggiro economico causato dall’avidità di un funzionario sfrontato e senza scrupoli.

Come un equilibrista che oscilla sulla fune per non cadere, Money Monster gioca la sua partita con le carte della finzione e della realtà, con l’intento di spiazzare il pubblico e privarlo di ogni punto di riferimento. Le atmosfere rarefatte, i dialoghi taglienti, il linguaggio cinico sono amalgamati con un ritmo incalzante e deciso, che vive di virtuosismi nel montaggio e di inquadrature limpide e impattanti. Con una vena di sarcasmo mirata e decisa, Jodie Foster traccia una parabola allegorica sul mondo della finanza e sugli spietati meccanismi della televisione, avvalendosi del grido di protesta di un libero ‘inquisitore’ per raccontare un triste spaccato della nostra società. Pungente.

THE BOY
di William Brent Bell con Lauren Cohan, Rupert Evans, James Russell, Jim Norton
(horror)

Reduce dal cammeo nel ruolo di Martha Wayne nella colossale blockbuster Batman V Superman: Dawn of Justice diretto da Zack Snyder, la protagonista di Walking Dead Lauren Cohan torna al cinema per vestire i panni della baby sitter Greta in The Boy di William Brent Bell.

Dopo aver diretto pellicole horror non troppo riuscite come Stay Alive e L’altra faccia del diavolo, il regista del Kentucky tenta di sorprendere il pubblico mettendo in scena un film di genere, un mistery soprannaturale denso di inquietudine e paura, che trae ispirazione dai maestri italiani del passato quali Lucio Fulci e Dario Argento. The Boy ruota attorno alla storia di Greta, una giovane donna che, in fuga dal proprio passato, si trasferisce in un’imponente villa vittoriana nella campagna inglese per fare da baby sitter al figlio di una coppia di anziani genitori. Ben presto si accorgerà che il piccolo Brahams è in realtà un bambolotto che i signori Heelshire trattano come un vero bambino e da quel momento la sua permanenza nella casa non sarà più la stessa: una serie di eventi inspiegabili e sconvolgenti trascineranno Greta al centro di un terrificante mistero.

William Brent Bell cerca di infondere al lungometraggio una crescente tensione che viene protratta durante la vicenda, sviando e depistando lo spettatore con colpi di scena, fino ad arrivare all’apice con un finale adrenalinico che strizza l’occhio alle atmosfere tipiche del teatro ‘Grand Guignol‘. Convenzionale.

PERICLE IL NERO
di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio, Marina Foïs,Valentina Acca, Gigio Morra, Maria Luisa Santella, Lucia Ragni
(noir, drammatico)

Selezionato al Festival di Cannes 2016 nella sezione “Un certain regard“, PERICLE IL NERO è il nuovo film di Stefano Mordini, prodotto e interpretato da Riccardo Scamarcio, un noir duro e vivido dalle atmosfere chiaroscurali che fotografa la figura di un uomo la cui vita oscilla tra bene e male, modulata e scandita con il ritmo di un metronomo.

Pericle Scalzone, detto Il nero, è un sicario urbano, un uomo che di mestiere “fa il culo alla gente” per conto di Don Luigi, un boss camorrista emigrato in Belgio. Durante una spedizione punitiva commissionata dal suo ‘superiore’, Pericle commette un grave errore e da quel momento la sua vita ha i minuti contati. Nel tentativo di evitare una condanna a morte ormai certa, Pericle fugge in Francia dove incontra Anastasia, una donna dolce e sensibile che lo frequenta e lo accoglie senza giudicarlo, dimostrandogli che esiste una possibilità di iniziare una nuova vita e redimersi dal passato. Ma Pericle non può evadere dalla gabbia morale ed esistenziale del suo trascorso, indelebile, spietato, pieno di verità ingombranti e interrogativi pletorici. Autentico.

UN POLIZIOTTO ANCORA IN PROVA
di Tim Story con Ken Jeong, Ice Cube, Kevin Hart, Olivia Munn, Benjamin Bratt
(commedia, azione)

Dopo i discussi cinecomic I Fantastici 4 e I Fantastici 4 e Silver Surfer, Tim Story torna dietro la macchina da presa per riportare sul grande schermo una delle coppie più svitate d’America, quella formata da Ice Cube e Kevin Hart, nel sequel, intriso di comicità e azione ‘non sense’, di Poliziotto in Prova (Ride Along). Miami è controllata da un potente criminale di nome Antonio Pope (Benjamin Bratt), che gestisce il traffico della droga in tutto il paese. A seguire le indagini sul caso ‘Pope’ saranno James Payton (Ice Cube) e il suo inaffidabile cognato Ben Barber (Kevin Hart), coadiuvati dalla conturbante agente Maya (Olivia Munn).

Spinto dal fanservice e dal consumismo massivo del grande pubblico, Un Poliziotto ancora in prova si incanala lungo i binari dell’ordinario e, complice una stasi narrativa rafforzata da un plot inflazionato e privo di trovate originali e spirito d’inventiva, non riesce a bissare il risultato del suo predecessore, puntando tutto sulla messa in scena comica e la simbiosi farsesca costruita tra i due protagonisti. La commedia rimane troppo ancorata agli archetipi del buddy moviepoliziesco, senza tentare di esplorare una via differente rispetto a quella tracciata dalle opere più celebri del filone (la saga di Arma Letale e di Scuola di Polizia o i franchise di Beverly Hills Cop e Bad Boys). Non basta, quindi, qualche scena particolarmente indovinata per decretare l’esito positivo di un blockbuster che vive dell’eredità di Poliziotto in Prova e ne ricrea le medesime situazioni, sempre caotiche e confusionarie, esasperate da una forte dose di iperattività e stravaganza. Dozzinale.

ALTRI FILM IN USCITA

TINI -La nuova vita di Violetta
di Juan Pablo Buscarini con Martina Stoessel, Jorge Blanco,Adrian Salzedo, Mercedes Lambre, Leonardo Cecchi, Clara Alonso, Pasquale Di Nuzzo, Ridder Van Kooten, Georgina Amoros, Francisco Viciana, Ángela Molina
(commedia, musical, sentimentale)

La storia del film, che riflette le vicende personali di Tini, racconta una nuova fase della vita della ragazza in cui diventa indipendente e si lascia alle spalle il mondo della serie Tv. Nel corso di un’estate interminabile, Tini vivrà un’avventura che la aiuterà a definire la propria personalità e a diventare un’artista completa e sicura di sé.
Nel suo film d’esordio Martina ‘Tini’ Stoessel, che di recente ha firmato un contratto con Hollywood Records, sarà diretta da Juan Pablo Buscarini, al fianco di alcuni degli altri attori della serie Violetta fra cui Jorge Blanco, Mercedes Lambre e Clara Alonso.

WILDE SALOMÉ 
di Al Pacino con Al Pacino, Jessica Chastain, Kevin Anderson, Estelle Parsons
(drammatico)

Presentato fuori concorso al 68ª Mostra del cinema di Venezia, dove ha vinto il Queer Lion 2011, Wilde Salomé è un film che fonde l’opera teatrale di Oscar Wilde e il cinema per raccontare l’ossessione ancestrale di un uomo per la giovane figliastra. Un travolgente viaggio nel controverso adattamento della brillante storia di lussuria, avidità e vendetta dalla leggenda del folle e perverso desiderio del Re Erode per la conturbante Salomé, figlia di Erodiade, mentre questa cerca di sedurre Giovanni Battista; nello scandalo che ha investito l’autore, proibendone la rappresentazione nella Londra di fine 19° secolo, spingendosi in modo inedito e intimo nel mondo privato di Pacino, alle prese con l’impegnativo ruolo di se stesso e il re Erode.

LA SPOSA BAMBINA
di Khadija Al-Salami con Reham Mohammed, Rana Mohammed, Ibrahim Al Ashmori, NazihaAlansi, HusamAlshiabali, Adnan Alkhader, SamaaAlhamdani
(drammatico)

Una bambina entra in un’aula di un tribunale, guarda il giudice dritto negli occhi e gli dice: «Voglio il divorzio». Nello Yemen, dove non sono previsti limiti di età per poter contrarre matrimonio, una bambina di 10 anni di nome Nojoom è costretta a sposare un uomo di 30 anni. La dote derivante dal matrimonio fornisce alla famiglia della bambina la possibilità di ricevere una piccola entrata economica e l’opportunità di liberarsi di una bocca in più da sfamare. Per tutti si tratta di un accordo legittimo e soddisfacente: per tutti tranne che per Nojoom,  che vedrà presto la sua vita volgere al peggio. Nojoom inizia così una solitaria e determinata battaglia contro le pratiche arcaiche seguite dalla sua famiglia e dalla sua tribù. La battaglia di Nojoom è una battaglia per la libertà delle donne del suo paese, un esempio contro la violazione dei diritti umani e il simbolo della lotta contro pratiche arcaiche considerate ancora oggi legali nello Yemen e in molti altri paesi. Basato su una storia vera, raccontata nel libro “I am Nojood, age 10 and divorced” di Nojoud Ali e della giornalista Delphine Minoui pubblicato nel  2009 da Michel Lafon, tradotto in 17 lingue e venduto in 35 paesi.

Andrea Rurali
Articolo pubblicato anche su CineAvatar.it

n.d.r. un clic sui link in rosso per leggere le recensioni

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi