Ma se domani... > Cineavatar > Il Giustiziere della Notte: i registi abbandonano il reboot

Il Giustiziere della Notte: i registi abbandonano il reboot

This post was originally published on this site
il giustiziere della notte

Bruce Willis sarà il protagonista del reboot de Il Giustiziere della Notte

Il reboot de Il Giustiziere della Notte ha perso i suoi registi: è infatti giunta notizia che Aharon KeshalesNavot Papushado hanno abbandonato il progetto a causa di divergenze artistiche fra MGM e Paramount Pictures.
Deadline ha riportato un lungo messaggio scritto dai due filmmaker nel quale si evince la grande pressione lavorativa esercitata dale major, colpevoli, a loro avviso, di voler realizzare un progetto più simile al romanzo e molto distante dalle pellicole con Charles Bronson.
I due registi erano stati scelti dallo stesso Bruce Willis, protagonista di questo reboot, che li aveva notati e apprezzati nel loro celebre Big Bad Wolves.
A seguire la lunga lettera in versione tradotta:
Sollievo. Finalmente un po’ di spazio per respirare. Vi ricorderete probabilmente che qualche mese fa siamo stati bombardati da auguri e congratulazioni per aver ottenuto il nostro primo lavoro hollywoodiano, Death Wish. Forse vi ricordate anche che Navot e io abbiamo insistito nel non voler commentare la storia e nessuno dei vostri eccitati post sulla faccenda… nemmeno con un “like”. Non è che all’improvviso siamo diventati snob, solo che ci siamo trovati in una situazione terribile.
Da un lato, ci hanno veramente offerto un lavoro da sogno e un salario leggendario e avevamo passato un incredibile e stressante provino coi presidenti di MGM e Paramount e ottenuto addirittura l’approvazione di una delle star più toste e rispettate di Hollywood… sì, sì, Bruce Willis aveva visto Big Bad Wolves e aveva pensato che fossimo le persone giuste per questa violenta missione. Dall’altro, la notizia ci ha colti di sorpresa, perché c’erano enormi differenze tra la nostra visione e quella dello Studio col famoso leone ruggente… noi volevamo stare lontani dall’originale e problematico (anche se divertente a vedersi) film di Michael Winner e spostarci in direzione del romanzo originale di Brian Garfield – un ottimo romanzo minimalista che non ha mai ricevuto il trattamento cinematografico che meritava. Volevamo seguire la visione del regista che era in origine stato scelto per farlo, Sidney Lumet. Lumet voleva dirigere un film su un uomo semplice – aveva pensato addirittura a Jack Lemmon come protagonista – che fa esperienza di una terribile tragedia e cade nelle profondità dell’inferno. Quando immaginavamo il thriller nella nostra mente pensavamo a Taxi Driver, Un giorno di ordinaria follia… con un finale agghiacciante come quello di Sicario.
Purtroppo, la programmazione temporale del progetto non ci ha permesso di fare i grossi cambiamenti che volevamo fare sulla sceneggiatura, e man mano che passava il tempo ci rendevamo conto che non avremmo ottenuto quello che volevamo per il film. La notte scorsa, dopo lunghe discussioni, abbiamo deciso finalmente di lasciare il progetto. Non è stato facile. Sapere di rinunciare ai soldi, alla fama, all’opportunità di lavorare con una grossa star… sapere che stai sbattendo la porta in faccia a Hollywood… che stai deludendo tutti coloro che ti hanno sostenuto e incoraggiato e desiderato che realizzassi i tuoi sogni, tutto questo può davvero incasinarti la testa e farti dubitare di te stesso. Ed è successo. Ma tutti quelli che ci hanno conosciuto, anche pochissimo, sanno che non abbiamo mai accettato compromessi per la nostra visione. Sono stati tre mesi estenuanti, tre mesi durante i quali quando uscivo indossavo occhiali da sole perché avevo paura di rispondere a domande scomode. Oggi posso finalmente togliermeli e dirvi grazie per il vostro sostegno, la vostra comprensione e il vostro affetto. E adesso? Un po’ di pace e tranquillità, un sacco di pazienza e, soprattutto, amore.
Il Giustiziere della Notte (film tratto dal romanzo omonimo del 1972 di Brian Garfield) è uno dei grandi classici del genere poliziesco/thriller diretto da Michael Winner nel 1974. I film della saga sono stimati e conosciuti, grazie anche ai numerosi passaggi televisivi sulle nostre emittenti nel corso degli anni, e raccontano la storia di Paul Kersey, un ingegnere e obiettore di coscienza la cui vita e i principi morali vengono stravolti dall’omicidio della moglie e dallo stupro della figlia. Da quel momento Kersey cesserà di esistere e al suo posto subentrerà “Il giustiziere della notte” che, con il desiderio di morte e vendetta, andrà a caccia degli assassini e aguzzini della sua famiglia.
E adesso chi prenderà il loro posto? Restate con noi e lo scoprirete.
Fonte: Deadline

L’articolo Il Giustiziere della Notte: i registi abbandonano il reboot sembra essere il primo su Cineavatar.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi