Ma se domani... > Cinema > Recensioni > L’ABBIAMO FATTA GROSSA: lascio a voi la decisione

L’ABBIAMO FATTA GROSSA: lascio a voi la decisione

 L'ABBIAMO-FATTA-GROSSA_poster

la sala è affollata gli animi allegri il vociare festoso

il titolo

L’abbiamo fatta grossa

ci ingolosisce e ne pregustiamo tutti lo spasso

Carlo Verdone e Antonio Albanese

insieme

cosa avranno mai combinato

?

Photo: courtesy of Filmauro
Photo: courtesy of Filmauro

Carlo 14 anni più di Antonio e Antonio 14 anni meno di Carlo, ma all’apparenza fratelli gemelli, nel corpo e nell’anima, li contempliamo e li confondiamo lassù sul grande schermo, li adoriamo fin dall’inizio, due maestri ineguagliabili, chiudo gli occhi e penso prima a uno e poi all’altro, sfrecciano veloci davanti a me le immagini del vasto repertorio di Verdone, la sua mimica facciale, la voce camaleontica, l’invidiabile poliedricità intellettuale con cui ha sempre rapito l’immenso pubblico in adorazione lasciandoci nel profondo una tale varietà di ricordi cui attingere al momento del bisogno, è parte di tutti noi ormai, e che dire di Albanese, il pensiero rimbalza subito a lui, in scena da ben 23 anni, un’altra fucina di sorprese, mi ritrovo a rievocare con la mente il suo passato cinematografico e a sorridere quando mi ravvedo, ritorno in me, non posso perdermi lassù sul grande schermo, ora, una loro sequenza infinita di gag, paradossi, svolte, colpi di scena, imprevisti, malintesi, satira sociale, pedinamenti, frivolezze, tragedia e comicità

mi incollo allo schermo e non mi stacco più fino alla fine, rapita dal vortice della trama

Photo: courtesy of Filmauro
Photo: courtesy of Filmauro

di tanto in tanto roteo furtiva gli occhi in sala verso il pubblico presente e perfino quello assente

Verdone ha fatto centro

in realtà L’abbiamo fatta grossa è una commedia poliziesca dagli ingredienti classici, un investigatore squattrinato e un suo cliente disperato conditi con una valigetta traboccante di banconote da 500 euro, una ex moglie da riconquistare, l’amante, ristrettezze economiche di sottofondo, il solito politico corrotto, pistole vere e finte qua e là, ma miscelati magistralmente da un Verdone in splendida forma, un cast eccellente, una fotografia sublime, una sceneggiatura calibrata, una musica sorprendente, insomma

complimenti a tutti quanti

Photo: courtesy of Filmauro
Photo: courtesy of Filmauro

ciliegina sulla torta, Anna Kasyan nei panni di Lena, procace barista con il sogno di entrare a far parte del coro del teatro dell’Opera di Roma, attrice esordiente, armena dai tratti importanti e dall’energia inesauribile, affermata cantante lirica nella realtà strappata da Verdone al canto per una interpretazione magistrale, entra in scena in punta di piedi, tasta il terreno, prende confidenza e poi avanza con decisione dritto nei nostri cuori

che sia lei la vera protagonista del film

?

lascio a voi la decisione

Elisa Bollazzi

 

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi