Ma se domani... > Cinema > Festival > Donald Cried, affrontare il passato per non smettere di sognare

Donald Cried, affrontare il passato per non smettere di sognare

Recensione del film Donald Cried di Kris Avedisian

Una scena di Donald Cried - Photo: courtesy of Festival del film Locarno
Una scena di Donald Cried – Photo: courtesy of Festival del film Locarno

Peter torna a casa dopo quindici anni di assenza. L’occasione è un lutto. Deve sgomberare e vendere la casa di nonna oltre ad arrangiare la ultime volontà. Sulla strada perde accidentalmente il portafoglio e si ritrova bloccato in Rhode Island. Ha bisogno di un piccolo prestito, ma con la gente del luogo non ha mantenuto i contatti. La salvezza pare essere il dirimpettaio, Donald, l’amico d’infanzia, il compagno di scuola. Donald oggi è in casa. L’incontro è folgorante.

Donald è surreale, sembra uscito da una pellicola di decadi fa. L’abbigliamento, i modi, i discorsi sono fuori tempo, pare un ragazzino (un po’ tonto) intrappolato nel corpo di un adulto e Peter è a disagio sin dal primo abbraccio. Non ha scelta. Stringe i denti e sorride. Intanto sarà questione di qualche minuto. Poi se ne potrà andare.

Da quell’incontro, che avrebbe dovuto durare il tempo di un saluto, e di una richiesta di aiuto, prende il via quella che sarà una lunga ed estenuante giornata. Sarà un tour (forzato) della città, di persona in persona, di luogo in luogo. E la totale assenza di filtri di Donald renderà le situazioni imbarazzanti e grevi, in alcuni casi persino inopportune. Donald è stano, è fragile, è pieno di difetti. Donald ha un gran bisogno di riferimenti e d’amore.

Kris Avedisian è Donald nel film Donald Cried - Photo: courtesy of Festival del film Locarno
Kris Avedisian è Donald nel film Donald Cried – Photo: courtesy of Festival del film Locarno

Donald Cried, il film in concorso a Locarno 2016 nella sezione Cineasti del Presente, è un urlo disperato, è un’immagine talvolta esagerata e in altre mitigata, inizialmente divertente e poi grottesca, delle umane debolezze. Il nostro Donald (lo stesso Kris Avedisian) riunisce in sé ciò che tutti celiamo, la solitudine, i fallimenti, i sogni infranti. È il perdente per eccellenza, è l’eterno fanciullo, è l’uomo senza speranze che non ricorda cosa siano i progetti. E ancora, è l’accettazione del nulla, è l’emblema della via verso la depressione, è l’assenza di ideali. Lo rifuggiamo e… sbagliamo.

Lo strazio maggiore arriva, infatti, quando si affaccia una domanda: Peter, colui in cui crediamo (e vogliamo) rispecchiarci, il rampante uomo in carriera, è davvero realizzato e felice? Perché non pare essere attorniato da affetti pronti a supportarlo, sembra solo conformato, standardizzato, ed agisce come si confà a un qualunque uomo adulto. A questo punto crolliamo.

Alla fine, dopo l’iniziale disorientamento, Peter ricorderà quella giornata per sempre e noi, seduti dall’altra parte dello schermo, uscendo dalla sala sogniamo d’incontrare per caso Donald o qualcuno di molto simile, in grado di darci una sgangherata, durissima, scossa.

Il film di Kris Avedisian è una di quelle perle indie che si fanno amare in dieci minuti e rendono i Festival come Locarno unici e preziosi. Ci rammenta che la vita è incasinata, spesso ci fa sentire miseri e/o colpevoli, ma la cosa più importante è non dimenticare mai chi siamo (e da dove veniamo), perderemmo la capacità di sognare.

Vissia Menza

Una scena di Donald Cried - Photo: courtesy of Festival del film Locarno
Una scena di Donald Cried – Photo: courtesy of Festival del film Locarno

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi