Ma se domani... > Cinema > Uscite della settimana > IL BELLO, IL BRUTTO, IL CATTIVO: i film in uscita il 24 novembre

IL BELLO, IL BRUTTO, IL CATTIVO: i film in uscita il 24 novembre

bbc film in uscita al cinema

I FILM IN USCITA AL CINEMA IL 24 NOVEMBRE

Come ogni settimana, torna l’appuntamento con “Il Bello, Il Brutto, Il Cattivo”, la rubrica dinamica e veloce con consigli mirati, pungenti ed efficaci per guidarvi alla scoperta dei film più significativi e delle novità cinematografiche del momento.

FILM IN EVIDENZA

SNOWDEN
di Oliver Stone con Joseph Gordon-Levitt, Shailene Woodley, Nicolas Cage, Melissa Leo, Tom Wilkinson
(biografico, drammatico, thriller)

Sinossi ufficiale: Quando Edward J. Snowden (Joseph Gordon-Levitt) divulgò il programma segreto di sorveglianza globale della NSA (National Security Agency) aprì gli occhi del mondo e, contemporaneamente, chiuse le porte del proprio futuro.

Commento breve: Il regista di JFK-Un Caso Ancora Aperto e Platoon, Oliver Stone, confeziona un thriller spionistico a tutti gli effetti, in grado di coinvolgere il pubblico senza mai ricorrere a sparatorie o scene d’azione di alcun tipo ma, al contrario, puntando tutto su dialoghi taglienti, leggera ironia e amplificando la percezione dei suoi stessi personaggi. Joseph Gordon-Levitt ha dalla sua un’incredibile somiglianza con la figura di Edward Snowden (soprattutto con pizzetto e capigliatura alla rinfusa), ma risulta anche e soprattutto abile a restituirne, grazie a tono di voce, tic e varie microespressioni facciali, l’intera gamma di emozioni dettate dalla sua crescente (e giustificata) paranoia. L’opera di Stone ha il grande pregio di riuscire a infondere timore e dubbio attraverso l’intrattenimento, contribuendo a farci raggiungere un maggiore livello di consapevolezza. Un film solido e straordinario in cui emerge la costante presenza di una minaccia invisibile dalle inimmaginabili potenzialità. Intenso.

PALLE DI NEVE – SNOWTIME
di Jean-Francois Pouliot, François Brisson
(animazione, commedia, family)

Sinossi ufficiale: Per passare il tempo durante le vacanze invernali i bambini di un piccolo villaggio decidono di costruire due grandi castelli di neve, che diventeranno i fortini entro cui difendersi ed attaccare nella grande battaglia a palle di neve cui daranno il via Luke e i suoi amici, raggiunti poi anche da Sophie, una bimba appena arrivata in città.

Commento breve: Palle di neve è una colorata e divertente storia animata che ci ricorda le migliori commedie nonostante i protagonisti siano un gruppo di ragazzini alle prese con una grande nevicata. Chiuse le scuole, rimane solo la possibilità di organizzare una bella battaglia all’aperto. E questa corsa per conquistare un magnifico fortino di neve è l’escamotage adottato per far divertire il pubblico più giovane mentre si tirano le orecchie agli accompagnatori. La doppia anima del film diretto da Jean-Francois Pouliot e Francois Brisson garantisce risate e dolcezza ai bimbi e permette di fare la ramanzina agli adulti. Competitività, scherzi che sfuggono di mano e guerre distorte sono foriere di negatività. Il mutuo soccorso, l’amicizia sincera, il tendersi la mano possono, al contrario, creare solo i presupposti di sani e costruttivi rapporti sociali. E tutto questo ci viene detto chiaramente anche se sempre con ironia, grazia e semplicità, senza abuso di tecnologia o trame intricate, tantomeno esplosive. Palle di neve è – e rimane – una favola d’animazione adatta a tutti. Candido.

3 GENERATIONS – UNA FAMIGLIA QUASI PERFETTA
di Gaby Dellal con Elle Fanning, Naomi Watts, Susan Sarandon, Tate Donovan, Maria Dizzia, Sam Trammell, Linda Emond
(commedia, drammatico)

Sinossi ufficiale: 3 Generations – Una famiglia quasi perfetta, racconta l’emozionante storia di tre donne della stessa famiglia newyorkese, appartenenti a tre generazioni differenti. Ray (Elle Fanning) è una ragazza adolescente che sente il desiderio di diventare un ragazzo. Sua madre single, Maggie (Naomi Watts), deve però rintracciare il padre biologico per ottenere il consenso legale. Dolly (Susan Sarandon), la nonna lesbica di Ray, ha qualche difficoltà ad accettare questa scelta. Un film dove si ride, si piange e si vive, che ci ricorda come essere se stessi sia l’unica via possibile per la felicità.

Commento breve: 3 Generations – Una Famiglia Quasi Perfetta (About Ray, in originale), girato nel 2015 è l’ultimo film della regista inglese Gaby Dellal presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival 2016 e successivamente alla 11esima Festa del Cinema di Roma. L’opera focalizza apparentemente l’attenzione sullo spinoso tema del cambio di sesso ma, ben presto, finisce per incanalarsi in un intreccio di sentimenti semplici e appaganti, rivelando il suo vero intento: trasporre in immagini la forza spirituale del più improbabile e (almeno sulla carta) problematico dei nuclei familiari. 3 Generations prende spunto dalla trasformazione del protagonista, e dalla questione degli adolescenti transgender, per sviluppare una commedia agrodolce sulla famiglia, l’amore, i contrasti e la ricerca della felicità. Un mix di realismo e leggerezza che fa di questa pellicola un piccolo racconto fuori dagli schemi che il cinema di oggi ben raramente ci regala. Sincero.

IL CITTADINO ILLUSTRE
di Mariano Cohn e Gastón Duprat con Oscar Martinez, Dady Brieva, Andrea Frigerio
(drammatico, commedia)

Sinossi ufficiale: Dopo aver rifiutato grandi e prestigiosi riconoscimenti in tutto il mondo, il premio Nobel per la letteratura Mantovani accetta di recarsi in visita nella propria città natale in Argentina, luogo che è stato fonte di ispirazione per tutti i suoi libri. Ben presto, si renderà conto che accettare l’invito è stata la cosa peggiore che potesse capitargli, dal momento che avrà a che fare con le imprevedibili persone sulla base delle quali ha costruito i personaggi dei suoi romanzi.

Commento breve: Il cittadino illustre è la persona che avremmo voluto essere, è il vicino di casa irritante, è la summa delle nostre frustrazioni perché è colui che ce l’ha fatta (e che magari conosciamo). Il premio Nobel Daniel Mantovani, sembra sottovalutare tutto questo il giorno in cui decide di tornare nel paesino d’origine, nella lontana Argentina, dopo troppi anni di lontananza. Un luogo remoto, che ancora oggi ispira i personaggi dei suoi romanzi. E questo, a differenza sua, i compaesani ben lo sanno. L’occasione per regolare i conti con loro, con sé stesso e con le proprie radici, gli verrà offerta con l’investitura della cittadinanza onoraria. Lo  attenderanno quattro lunghi giorni…
Il film diretto da Gastón Duprat e Mariano Cohn è stato scelto per rappresentare l’Argentina alla prossima edizione degli Oscar® e bastano pochi minuti per comprenderne il motivo. Twist intriganti, dialoghi brillanti, inquadrature mai improvvisate e una fotografia accurata e complice, contribuiscono a creare una commedia amara splendidamente interpretata da Oscar Martínez. Sogni e speranze s’intrecciano in una trama che avvince e convince. In cui etica e cultura vengono punzecchiate, in cui realtà e finzione di passano di continuo il testimone per farci riflettere su chi siamo e cosa vorremmo. Acuto.

MONTE
di Amir Naderi con Andrea Sartoretti, Claudia Potenza
(drammatico)

Sinossi ufficiale: Molti anni fa, in un villaggio semi-abbandonato ai piedi di una montagna vive Agostino con la moglie Nina e il figlio Giovanni. La montagna si erge come un muro contro i raggi del sole, che non arrivano mai a illuminare la loro terra, ridotta a pietre e sterpaglia. Monte è un film sulla sfida di vivere in alta quota. Il protagonista Agostino, nonostante tutto gli suggerisca di andarsene, decide che il destino della sua famiglia è lì, tra le vette. La sua non è solo caparbietà, ma la certezza che le nostre radici non possono tradirci e sostenuti dal nostro spirito possiamo portare il sole su ogni destino. Ambientato in un passato remoto, il 1350 circa, tutto il film ruota intorno all’imponenza della montagna, alla sua forza ancestrale. È lo sforzo delle nostre mani che può costruire qualcosa di eterno entrando in dialogo con quel luogo incantato.

Commento breve: Presentato fuori concorso alla 73. Mostra del Cinema di Venezia, Monte è il primo film in lingua italiana del regista Amir Naderi. Profondo narratore dallo stile essenziale e dalla poetica acuta, Naderi è senza dubbio uno dei cineasti fondamentali del panorama iraniano, insieme ai connazionali Abbas Kiarostami, Jafar Panahi e Mohsen Makhmalbaf, nonché esponente attivo di un cinema autoriale e indipendente e portavoce di un missiva da consegnare al grande pubblico. Elevato da rimandi alla pittura divisionista di Giovanni Segantini e alla produzione cristologica di Caravaggio, l’opera racconta l’ostinazione di un uomo che tenta di sconfiggere un nemico insormontabile. Monte è una vera e propria esperienza cinematografica, un viaggio nei meandri della mente alla ricerca di un spunto di riflessione dal quale partire per interrogarsi direttamente su ciò che viene mostrato. Naderi si muove il più lontano possibile dall’intrattenimento, fugge da una narrazione che non sia esclusivamente visiva e attinge a piene mani dal cinema muto. Il lungometraggio è un saggio filosofico, un affresco intenso e carico di suggestioni, sul rapporto tra un uomo e fede e, allo stesso tempo, tra ragione e conoscenza. Ipnotico.

ALTRI FILM IN USCITA

COME DIVENTARE GRANDI NONOSTANTE I GENITORI
di Luca Lucini con Margherita Buy, Giovanna Mezzogiorno, Matthew Modine, Sergio Albelli, Ninni Bruschetta, Paolo Calabresi, Giovanni Calcagno, Roberto Citran, Francesca De Martini, Gabriella Franchini, Paolo Pierobon, Federico Russo, Sara D’Amario, Elena Lietti, Aglaia Mora, Leonardo Cecchi, Beatrice Vendramin, Eleonora Gaggero, Federico Russo, Saul Nanni, Emanuele Misuraca, Chiara Primavesi
(commedia)

Sinossi ufficiale: Sempre più spesso i genitori assumono comportamenti competitivi verso i professori dei propri figli: contestano voti e programmi, vaneggiano di simpatie, antipatie e complotti. Così, invece di aiutarli nella formazione dei loro ragazzi, diventano ostacoli insormontabili alla loro crescita. È quello che accade anche ai ragazzi di “Come diventare grandi nonostante i genitori” quando, al liceo, arriva la nuova preside che decide di non aderire al concorso scolastico nazionale per gruppi musicali. Per i ragazzi, che hanno una passione sfrenata per la musica, è un colpo mortale e, anche quando i genitori corrono a protestare, la preside decide addirittura di raddoppiare il lavoro quotidiano dei ragazzi. Dopo i primi voti bassi, i genitori consigliano prudentemente ai ragazzi di sottostare alle decisioni della nuova preside. Tuttavia i ragazzi, con orgoglio, decidono di iscriversi al concorso musicale pur avendo contro scuola e genitori. La sfida pare impossibile e invece porterà i ragazzi a crescere in modo sorprendente tra ostacoli di ogni tipo da superare.

MECHANIC: RESURRECTION
di Dennis Gansel con Jason Statham, Jessica Alba, Tommy Lee Jones, Michelle Yeoh, Sam Hazeldine, Raicho Vasilev, John Cenatiempo, Aaron Brumfield
(azione, thriller)

Sinossi ufficiale: Arthur Bishop (Jason Statham) è tra i sicari più richiesti al mondo: meticoloso, non sbaglia un colpo ed è specializzato nel far sembrare gli assassinii dei normali incidenti. Anche se uscito dal “business”, Arthur sarà costretto a tornarci per un’ultima missione: completare una serie di omicidi, uccidendo gli uomini più pericolosi al mondo, senza che l’FBI si accorga che i colpi portano la sua inconfondibile “firma”.

LA CENA DI NATALE
di Marco Ponti con Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Michele Placido, Maria Pia Calzone e con Antonella Attili, Eugenio Franceschini, Antonio Gerardi, Veronica Pivetti, Eva Riccobono, Dario Aita, Giulia Elettra Gorietti, Uccio De Santis, Ivana Lolito, Angela Semerano, Crescenza Guarnieri, Angelo De Matteis
(commedia)

Sinossi ufficiale: Dopo il successo di “Io Che Amo Solo Te” tornano le emozioni, le risate e le furie dei personaggi creati da Luca Bianchini, che troveremo ancora insieme per “La cena di Natale”.
Nella splendida Polignano a Mare imbiancata della neve, saranno ancora più agitati del solito: tra isterismi, introvabili capitoni, test di gravidanza, ansiolitici, ascensori bloccati, anelli scomparsi, ritrovamenti e colpi di scena, ne succederanno di tutti i colori.

ONE PIECE GOLD – IL FILM
di Hiroaki Miyamoto
(animazione)

Sinossi ufficiale: Nella sua ricerca del mitico One Piece, la ciurma di Cappello di Paglia arriva a Gran Tesoro, la più grande città del divertimento al mondo, dove le persone ricche e facoltose si riuniscono per godersi incredibili spettacoli e giocare ventiquattro ore al giorno.
Gran Tesoro è un santuario assoluto controllato dall’Imperatore d’Oro, Gild Tesoro: talmente assoluto che nemmeno la Marina Militare può intervenire lì. Ma Luffy e i suoi amici scopriranno che la splendida città ha anche un altro volto, molto più spaventoso di quello che potrebbe sembrare. Scappare da lì è questione di vita o di morte.

Vissia Menza & Andrea Rurali
Articolo pubblicato anche su CineAvatar.it

n.d.r. un clic sui link in rosso per leggere le recensioni

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi