Ma se domani... > Tempo Libero > Turismo > Le mille luci e le affascinanti ombre di Parigi

Le mille luci e le affascinanti ombre di Parigi

Parigi il Louvre - photo by Giorgia Meroni
Il museo del Louvre di Parigi © Giorgia Meroni

Parigi, la Ville Lumière, la città degli innamorati. La metropoli ricca di storia, di palazzi, di arte. La meta prediletta di turisti di ogni età e provenienza. Con la sua torre Eiffel, la statua della Libertà e l’arco di Trionfo. Oltre ai campi Elisi e il romanticissimo lungo Senna.

Senza dimenticare l’Opera, la cattedrale di Notre Dame, la Gare d’Orsay e, ovviamente, il museo del Louvre. Pensate, è stato stimato che per visitare quest’ultimo ci vogliano 100 giorni, con una permanenza di 30 secondi per sala. Cosa impossibile se si tiene conto che al suo interno sono custodite 7500 tele, oltre al resto della collezione. Diciamo quindi che per vederlo bene dovremmo trascorrerci un anno!

Ma Parigi è anche la città con una rete metropolitana fitta e infinita (lunga oltre 200 chilometri), nata nel lontano 1900 (anno d’inaugurazione della prima linea, e l’occasione era niente meno che l’Expo). Ogni tratta, e fermata, è talmente carica di aneddoti e curiosità che scoprirli uno ad uno ci occuperebbe intere giornate andando su e giù dai suoi treni (anche solo per incrociare le stazioni fantasma sul percorso).

Le cose da fare a Parigi non mancano mai, è una continua scoperta. Passeggiare con il naso all’insù permette di studiarne l’architettura e scoprirne i vicoli e i negozi di quartiere. Gita che vale da sola un weekend al Nord. E, in effetti, i ponti festivi, soprattutto quelli autunnali, ben si prestano per una fuga all’insegna dell’arte, della nouvelle cuisine e di un po’ di shopping con un’allure transalpina.

In vista dell’arrivo del mese di Dicembre, con le tante settimane corte, abbiamo pensato di pubblicare una galleria di scorci parigini. Strade, gente comune e monumenti presi da una prospettiva non per forza canonica. Scorci rubati, dettagli zoomati, ritagli di quotidianità immortalati spesso in un bianco e nero (o nero e oro, quasi fosse il suo  colore naturale) che li rende ancora più preziosi, senza tempo, da non dimenticare.

 

n.d.r. Le immagini di Parigi sono sottoposte a copyright. Tutti i diritti sono riservati. Se siete interessati a contattare l’autrice, non esitate a scrivere alla redazione. Un clic per vedere lo slide show e due clic per ingrandire la singola foto. 

 

 

Foto di Giorgia Meroni
Testo di Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi