Ma se domani... > Cinema > Recensioni > SHUT IN, suspense e sorprese inquietanti cercasi

SHUT IN, suspense e sorprese inquietanti cercasi

Recensione di Shut In, il nuovo thriller con Naomi Watts e Jacob Tremblay

Il poster italiano del film Shut In
Il poster italiano del film Shut In

Mary è una psicologa infantile che vive e lavora in una bella casa fuori città. La donna è vedova e si ritrova sola a prendersi cura del figliastro Stephen, immobilizzato in seguito al disastroso incedente in cui il padre ha perso la vita. Le giornate di Mary scorrono faticosamente, tutte uguali, dividendosi tra i pazienti e il giovane ragazzo. Tra gli assisti della donna c’è un bambino particolare, Tom, che si affeziona a lei tanto quanto il contrario. Il giorno in cui il piccolo scomparirà, l’apprensione di Mary si imporrà sino ad angosciarla, a renderle le notti inquietanti e le ore diurne ancor più snervanti. Ecco come inizia Shut In, il nuovo film con Naomi Watts.

Farren Blackburn (il regista di alcune puntate delle note serie TV Doctor Who e Daredavil) si aggrappa ad uno schema classico (luogo isolato – donna sola – animo tormentato – strani rumori – scherzi della mente) per dar forma ad un thriller angosciante, un dramma teso, un film che giochi con le nostre paure e con la psiche della protagonista sino a togliere sia a lei sia a noi ogni punto fermo. Sarà un’illusione oppure in quella casetta in legno tra i boschi sta accadendo qualcosa ai confini col paranormale? Allo spettatore scoprirlo.

Naomi Watts in una scena di Shut in - Photo: courtesy of Notorious Pictures
Naomi Watts in una scena di Shut in – Photo: courtesy of Notorious Pictures

Nonostante i suoi sforzi, e la presenza di un cast in cui oltre alla Watts vi sono il bravissimo Jacob Tremblay (Room) e Oliver Platt (X-Men L’inizio), l’ingranaggio s’inceppa ancor prima di carburare col risultato che il tocco horror non è mai credibile, il thriller è così prevedibile da permettere distrazioni ai presenti e l’impianto drammatico è talmente usurato da rendere impossibile l’empatia. Come se non bastasse, la trama imbocca un sentiero che è lontano dall’essere originale e intrigante e l’attesa del colpo di scena rivelatore è tanto agognato più per la voglia di mettere un punto allo strazio a cui assistiamo che per il reale coinvolgimento.

Più che turbamento proviamo tristezza perché, nonostante il piccolo budget, c’erano tutti gli elementi per ottenere l’effetto desiderato. Invece, cose e persone paiono costantemente nel posto sbagliato e/o fuori fase. Così facendo, le cartucce a disposizione si esauriscono subito e vanno sprecate. Il colpo di grazia probabilmente glielo darà questo weekend: Shut In debutta durante un ponte festivo ricco di lungometraggi molto attesi e applauditi dalla critica (gli fanno compagnia È solo la fine del mondo, l’ultimo capolavoro di Xavier Dolan, e Captain Fantastic con Viggo Mortensen in forma smagliante), una scelta che appare beffarda e che probabilmente gli toglierà l’ultima/unica chance di sopravvivere al massacro. Una volta sui canali pay TV, chissà, magari andrà meglio.

Vissia Menza

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi