Ma se domani... > Musica > MUSICA: Brianza Classica torna con Suoni in Eco-Logia 

MUSICA: Brianza Classica torna con Suoni in Eco-Logia 

Al via il primo tempo della XIVma stagione di Brianza Classica: 16 concerti dal 28 gennaio al 25 giugno 2017.

Suoni in Eco-logia locandina
Suoni in Eco-Logia è la nuova edizione di Brianza Classica

Questo sabato pensavamo di segnalavi una mostra, che avrebbe soddisfatto al contempo la vostra voglia di fotografia e di fare una escursione fuori porta. Poi abbiamo deciso di cambiare arte e quest’oggi v’invitiamo ad organizzare, con ben sette giorni di anticipo, la prossima gita oltre la mura cittadine per godervi un concerto particolare e gratuito. Come da tradizione, che si protrae da quattordici edizioni, Brianza Classica riprende la sua attività anche nel 2017 con una serie di serate dal titolo Suoni in Eco-Logia.

Splendori del barocco

Saranno ben sedici gli incontri della rassegna che si terranno nel primo semestre (QUI la locandina). Si ripartirà il prossimo sabato, il 28 gennaio alle 20.30, nella Chiesa dei Santi Cornelio e Cipriano di Carnate (MB), con un concerto per strumenti “a vento” e a canne. Verranno presentate trascrizioni di alcuni celebri brani del repertorio barocco attingendo ai più noti autori italiani e tedeschi dell’epoca, tra i quali Antonio Vivaldi, Johann Sebastian Bach e Haendel. Per l’occasione, si esibiranno il Maestro Giorgio Matteoli, Direttore artistico di Brianza Classica, (ai flauti dolci) e Luca Ambrosio (all’organo), con la partecipazione straordinaria del soprano Paola Modicano. E, come in passato, l’ingresso sarà libero, previa prenotazione (consigliatissima!) che si potrà effettuare sul sito ufficiale di Brianza Classica dal 23 gennaio, lunedì prossimo.

Suoni in Eco-Logia

Abbiamo accennato qualche riga sopra al titolo di questa XIVma edizione. Gli organizzatori hanno pensato di creare un ponte ideale tra passato e presente, tra i suoni che furono e suoni che sono, e ricordarci che la musica non inquina il nostro fragile pianeta. Non stupisce quindi che alcuni concerti tra maggio e giugno si svolgeranno all’aperto, a diretto contatto con la natura. E non mancheranno le occasioni per toccare il tema del riciclo dei materiali e del riutilizzo delle fonti di energia. Perché nella musica non si spreca o butta via nulla.

Il Festival si svolgerà nelle province di Lecco, Monza e Brianza e cercherà, come di consueto, di soddisfare i palati più diversi ed esigenti. Partirà dal barocco ma toccherà anche il miglior tango, le canzoni del dopoguerra, Mozart e molto altro. Per informazioni sul programma aggiornato, trovare i contatti, scoprire come arrivare, tutti gli orari e soprattutto per prenotare il vostro posto, il sito web di riferimento è www.brianzaclassica.it e buon ascolto!

 

Fonte e foto: ufficio stampa 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi