Ma se domani... > Cinema > Al Cineforum – Café Society: non riesco a stare al passo

Al Cineforum – Café Society: non riesco a stare al passo

Il poster italiano di Café Society
Il poster italiano di Café Society

è giovedì e come ogni settimana decine di persone confluiscono al cinema, questa sera per ritrovare la poetica di Woody Allen, le tematiche sono tante, ben note, l’amore, la morte, la religione, l’ego, le nevrosi, la nostalgia, il nichilismo e molte altre a seguire

non ci stanchiamo mai di riviverle

entriamo, ci sediamo e la manciata di minuti d’attesa ci sembra un’eternità, non stiamo più nella pelle, alle nostre orecchie pare di sentire musiche e voci inesistenti in lontananza, ci avvisano che la pellicola sta per iniziare, vista e udito allertati, antenne tese, le luci si spengono e una magica storia americana ci attende

eccoci rimbalzati nella frizzante America degli anni Trenta, durante una festa hollywoodiana in una villa tutta vetri con piscina a specchio, abiti sfarzosi e conversazioni importanti ci rapiscono, respiriamo il profumo dei soldi e danziamo sulle poltrone al ritmo di una vivace musica jazz quando una telefonata ci svela l’incipit di una giovane vita in fermento

Kristen Stewart e Jesse Eisenberg in Café Society - Photo: courtesy of Warner Bros. I
Kristen Stewart e Jesse Eisenberg in Café Society – Photo: courtesy of Warner Bros.

Bobby Dorfman, interpretato da un Jesse Eisenberg ineguagliabile, è un ragazzo ebreo che vuole cambiare vita e decide di lasciare New York alla volta di Los Angeles dove vive lo zio Phil, ricco agente cinematografico. Bobby trova un lavoro e perde la testa per Vonnie, la segretaria dello zio, una splendida Kristen Stewart, ma, come da copione, lei è già impegnata

la trama prosegue a passo svelto e si complica, gli amori si intrecciano e la colonna sonora swing ci prende per mano e ci riporta a New York dove Bobby si costruisce un futuro come gestore di un noto café society grazie all’aiuto di suo fratello Ben, un gangster dai trascorsi inquietanti

le vicende si susseguono a ritmo incalzante e la svolta finale è dietro l’angolo, la aspettiamo con ansia

le circostanze sono tante, la trama è fitta, le battute sagaci, i colori accesi, la musica avvincente, siamo bersagliati su tutti i fronti, non riesco a stare al passo, è troppo, i miei occhi e le mie orecchie sono sovrastimolati e chiedono una tregua, abbasso le palpebre per qualche minuto e mi dedico unicamente all’ascolto

usando un senso alla volta riesco a capire meglio i dialoghi, le confidenze, i commenti dei miei vicini, ridono, sorridono, sono commossi da una scena improbabile, tengo gli occhi chiusi e le orecchie spalancate, ma le palpebre si ribellano, vogliono sapere, curiose come sempre, allora sbarro gli occhi e il mio cervello collega le informazioni, sorrido anch’io, ora vedo, sento e capisco

Blake Lively e Jesse Eisenberg in Café Society - Photo: courtesy of Warner Bros.
Blake Lively e Jesse Eisenberg in Café Society – Photo: courtesy of Warner Bros.

trascorrono pochi minuti e mi ritrovo nuovamente confusa, gli stimoli sono eccessivi, chiudo le orecchie con decisione lasciando il campo alla vista, che pace, mi gusto le scene nel silenzio più totale e immagino i dialoghi dell’amore, della paura, della gelosia, ecco un viso delicato che supplica chiarezza, l’occhio languido, il respiro accelerato, vuole sapere se sia mai stata tradita, lo implora, incurva il capo e gli legge la risposta sul viso, ahimè, la vita è come un teatro, una vera finzione

ora lei sa

ma finge di non sapere

la lettura labiale è divertente e utile così rinfresco il mio inglese e apprezzo maggiormente il film in un silenzio profondo, mi tranquillizzo beata tra splendide immagini, bravo Vittorio Storaro, ottimo lavoro

occhi chiusi e orecchie aperte

orecchie chiuse e occhi aperti

la strategia è vincente, alterno un senso all’altro per tutta la durata del film e mi infilo nella trama come meglio credo, spesso decido io che parole dare ai movimenti delle labbra sicura di tenere fede alla poetica dell’amato Woody Allen

lo conosco troppo bene

Elisa Bollazzi

n.d.r.  n.d.r. un clic qui per leggere la recensione di Café Society in occasione dell’uscita nei cinema italiani

 

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi