Ma se domani... > Cinema > Al Cineforum – Genius: il cappello sempre in testa

Al Cineforum – Genius: il cappello sempre in testa

Il poster italiano del film Genius
Il poster italiano del film Genius

finalmente è di nuovo giovedì, l’amato cineforum mi attende, eccomi, la sala è gremita, l’aspettativa è alta, vedremo Genius di Michael Grandage, alla sua prima produzione cinematografica, la storia è tratta dal romanzo Max Perkins: Editor of Genius di A. Scott Berg, il cast è eccellente, la locandina accattivante

le luci se ne vanno e sullo schermo compare il nome di una città e una data, siamo ancora in partenza per un viaggio oltreoceano, che gioia 

New York,  1929

il solito spettatore diligente alle mie spalle ripete a voce alta scandendo con accento perfetto le parole New York e la data, nine-teen-twen-ty-nine, a ricordarci l’inizio di anni perseguitati da problemi che ben conosciamo, ahimè

sbarriamo occhi e orecchie predisposti a una visione attenta

Jude Law in Genius - Foto: Eagle Pictures
Jude Law in Genius – Foto: Eagle Pictures

la trama è semplice, Colin Firth nei panni di Max Perkins, l’importante editor di autori quali  F.F. Fitzgerald e Ernest Hemingway, scopre e lancia al successo Thomas Wolfe, scrittore e poeta statunitense del primo Novecento, magnificamente interpretato da Jude Law

alcuni personaggi arricchiscono lo scenario e assottigliano l’onnipresenza dei due protagonisti, solo a tratti, nostro malgrado, le loro mogli imbrigliate nelle ombre dei loro mariti, appena abbozzate, peccato, Zelda, fragile consorte del grande Scott Fitzgerald, ci smuove, ma nulla al confronto del legame burrascoso tra l’editor e lo scrittore, un conflitto di ambivalenza fra amore e odio, Perkins rapito dalla scrittura di Wolfe e Wolfe, un ego spropositato in lotta con la cura editoriale della sua immensa produzione, la penna rossa corregge qui e là, riduce, modifica, parole tranciate con fermezza, ferite al cuore, frecce insanguinate, soffriamo con lui e per lui, una creatività incatenata al limite della follia

il passo è breve

Colin Firth e Jude Law in una scena di Genius - Foto: Eagle Pictures
Colin Firth e Jude Law in Genius – Foto: Eagle Pictures

il successo rende Wolfe paranoide e il suo editor sempre più rigido, la relazione professionale assume caratteristiche private, siamo tutti al cospetto di un padre severo alle prese con un figlio ribelle e un figlio ribelle tormentato da regole costrittive di un genitore inflessibile, taglia qui, taglia là, le parole sono troppe, riduciamo le pagine, pura violenza per Thomas, la rabbia e il delirio lievitano in lui mentre in Max aumenta la resistenza e la compostezza, perfino il pubblico assente ne è infastidito, lasciati andare, abbassa le armi, togliti quel cappello, un tappo sulla testa per paura che ne schizzi fuori la spontaneità, suvvia

le scene sono lente, prendo le distanze alla ricerca di nuove coordinate, invano, mi sono persa, non so più dove sono e in che anni, che sia un problema mio, mi riempio di dubbi, gli attori vestono sempre gli stessi abiti e paiono non invecchiare, mi spazientisco, perdo la cognizione del tempo e dello spazio, mi guardo intorno per capire se sono al cinema o a teatro, reclamo soccorso, sospiro

 

Perkins e Wolfe

Wolfe e Perkins

 

legati uno all’altro dall’alto lume delle loro genialità mi stanno soffocando, perdonatemi, ho bisogno di una tregua

Elisa Bollazzi

 

n.d.r. un clic QUI per leggere la recensione pubblicata in occasione della prima di Genius alla Berlinale 2016

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi