Ma se domani... > Cinema > Festival > Speciale FCAAAL 2017 – Day 1: grandi e piccoli ruggiti rivoluzionari

Speciale FCAAAL 2017 – Day 1: grandi e piccoli ruggiti rivoluzionari

Un commento al primo giorno di Festival del cinema Africano: i film I Am Not Your Negro & Ma Révolution.

La locandina italiana di i am not your Negro
La locandina italiana di I AM NOT YOUR NEGRO

La sala è gremita per I Am Not Your Negro, documentario di Raoul Peck candidato agli Oscar 2017 che apre la 27° edizione del Festival del Cinema Africano, Asia e America Latina di Milano.
Un progetto ambizioso e delicato, che calamita oltre cinquant’anni di lotta contro la segregazione razziale negli Stati Uniti attorno alle parole e i pensieri dello scrittore James Baldwin.
L’excursus di Peck, narrato attraverso l’intenso ed irriconoscibile timbro vocale di Samuel L. Jackson, scaturisce dalla lettera che Baldwin scrisse nel 1979 al suo editore per accennargli del suo futuro progetto: si chiama “Remember The House” e sarebbe stata (in quanto mai conclusa) una rivoluzionaria, poderosa testimonianza delle vite, del pensiero e del lascito di Martin Luther King, Malcolm X e Medgar Evers.
Solo e soltanto attraverso le parole di Baldwin, Peck plasma un affresco sui tre uomini assassinati per le loro idee rivoluzionarie, sull’America di ieri e di oggi nella morsa delle tensioni razziali.
L’esito è un documentario sincero e d’impatto, soprattutto quando il regista si affida alle argomentazioni dello scrittore, mentre un filo di retorica si srotola tutte le volte che il respiro della narrazione si estende ad oggi, all’elaborazione luttuosa e alle celebri perdite.
I Am Not Your Negro parla di qualcosa che non capiremo fino in fondo dalla nostra distante prospettiva e di estensioni troppo vaste per far tornare i conti in soli novanta minuti. Ma che dobbiamo conoscere.

La locandina del film MA REVOLUTION
La locandina del film MA REVOLUTION

Ma Révolution, primo lungometraggio del regista francese di origini tunisine Ramzi Ben Sliman, in concorso nella sezione Where Future Beats, parla di come spesso rivoluzioni locali e globali, di animo e di Stato, piccole e grandi, vadano di pari passo.
Prova tangibile è l’avventura del quindicenne protagonista Marwann, origini tunisine e vita liceale a Parigi, proiettato da anonimato a star quando viene casualmente immortalato e messo in prima pagina durante una manifestazione per la liberazione della Tunisia dal dittatore Ben Ali.
La “Rivoluzione dei Gelsomini” del 2010-2011 elegge Marwann a simbolo della resistenza, il ragazzino viene travolto dalla voglia di cogliere la palla al balzo, di diventare la voce dell’orgoglio e dell’identità tunisina a Parigi, un po’ per appartenenza, un po’ perché a quell’età sembrare importante conta più che esserlo.
Le consapevolezze politiche e adolescenziali del ragazzo crescono e traballano di pari passo, soprattutto quando il padre Moncef (Samir Guesmi, visto l’anno scorso ne L’Effetto Acquatico) decide improvvisamente di tornare insieme alla moglie e a Marwann nella natìa Tunisia mettendo a dura prova la nascente “rivoluzione” personale del figlio.
Il film di Ben Sliman, tra vena etnica e di Sundance, è un piccolissimo e brillante spaccato di storia con la S sia maiuscola che non, con pari attenzione e affezione a crescita individuale e massimi sistemi. Qualche discorso viene lasciato in sospeso con inesperienza, ma la Parigi che profuma di Tunisia è poetica, i giovanissimi protagonisti risplendono, l’amore e il furore d’adolescenza ribollono ad ogni scena.

Luca Zanovello

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi