Ma se domani... > Cinema > Festival > Wajib (Duty): un padre e un figlio, doveri e fragili equilibri

Wajib (Duty): un padre e un figlio, doveri e fragili equilibri

Recensione di Wajib (Duty), il film di Annemarie Jacir in anteprima a Locarno 70.

Il film Wajib (Duty) di Annemarie Jacir - Ph: courtesy of Locarno Festival
Il film Wajib (Duty) di Annemarie Jacir – Ph: courtesy of Locarno Festival

Wajib, dovere. Wajib è il tradizionale rito di consegnare a mano gli inviti alle nozze di famiglia. In Palestina, oggi come ieri, è consuetudine che gli uomini di casa, in occasione del matrimonio di un familiare, diano personalmente le partecipazioni a parente ed amici. È a tutt’oggi consiederato un atto di maleducazione spedirle o delegarne la consegna. Uno di quei gesti che rende l’evento ancora più importante e solenne ma che comporta ore e ore su e giù per la città e/o regione. Nel minuscolo abitacolo, ora dopo ora, inevitabilmente pregi e difetti di una relazione come quella tra un padre ed un figlio ne escono amplificati complicando la convivenza.

Si avverte sin dall’inizio che tra l’anziano Abu Shadi e il figlio Shadi vi sia molto di non detto. Antichi dolori sono pronti a riemergere e sin dall’inizio s’intuisce siano tanto profondi quanto esplosivi. Perché Abu Shadi vive nel Nord della Palestina, nella città isreliana di Nazareth, è un insegnante sessantenne in attesa di una promozione a cui tiene molto. Mentre il giovane figlio architetto, è emigrato a Roma per evitare che le sue rivendicazioni politiche creassero uno scandalo oltre il gossip di quartiere, e oggi non ha intenzione di piegarsi a usi e ipocrisie di vecchia data.

A ben guardare i due uomini (padre e figlio anche nella realtà!), e ad ascoltare i loro discorsi, soprattutto i diverbi, non ci paiono dissimili da noi. Generazioni a confronto, tradizioni impolverate dure a morire, orgogli feriti, pretestuose prese di posizione, in quell’auto succede di tutto e quel tutto è cosi normale da tenerci ben attenti, in attesa di un colpo di testa. Ma le teste sono assennate, i colpi di scena non compaiono e le divergenze si appianano con alcuni colpi di fortuna. Com’è nella vita reale. 

Wajib è diretto dalla talentuosa filmmaker Annemarie Jacir, nata a Betlemme e laureata alla Columbia University di New York. Questo è il suo terzo lungometraggio. Si tratta una commedia amara, triste ma non troppo. È on the road ma rimane sempre sotto casa. Sa sdrammatizzare quando serve. Non eccede mai e gliene siamo grati. Fotografa il fragile equilibrio di una comunità in modo chiaro ma non dirompente. Percorre la via della famiglia e non quella delle rivendicazioni. In questo scenario ne esce favorita la visione da parte d’un pubblico curioso, forse un po’ generalista, di sicuro non incline alla polemica e amante dei racconti che fluidamente arrivano al loro epilogo. Wajib funziona perché non ci mette a disagio, riconosciamo le dinamiche, è normale, normale prioprio come noi.

Vissia Menza

Il film Wajib (Duty) di Annemarie Jacir - Ph: courtesy of Locarno Festival
Il film Wajib (Duty) di Annemarie Jacir – Ph: courtesy of Locarno Festival
ndr QUI potete seguire il nostro diario da Locarno 70

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi