Ma se domani... > Cinema > Recensioni > Thor RAGNAROK, la recensione del nuovo esplosivo film della saga Marvel

Thor RAGNAROK, la recensione del nuovo esplosivo film della saga Marvel

Thor RAGNAROK: il Dio del Tuono torna al cinema il 25 ottobre 2017 e… non è solo!

il poster italiano del film Thor RAGNAROK
il poster italiano del film Thor RAGNAROK

A volte ritornano. Sono più cattivi o cambiati, ma tornano. E non hanno dimenticato. Si sa, gli affari di famiglia funzionano cosi, anche su Asgard, anche se papà è Odino (Anthony Hopkins), anche se il figlio talentuoso è Thor (Chris Hemsworth) e la pecora nera è quel burlone di Loki (Tom Hiddleston). Perché per risolvere la bufera che sta per travolgere tutti, neppure una profezia sarà abbastanza. Thor RAGNAROK, il terzo capitolo della saga dedicata al Dio del tuono, arriva oggi nei cinema e promette occhi neri, fiamme e… risate in gran quantità.

Thor RAGNAROK: una sfavillante avventura

Sembra che gli eroi abbiano smesso di prendersi sul serio e il risultato fa faville. Scintille che illuminano i nostri occhi di spettatori curiosi, scintille che prendono in contropiede qualche fan nerd-issimo, scintille che abbagliano coloro alla ricerca di uno spettacolo da sabato sera. E lo spettacolo è garantito: il figlio di Odino dovrà salvare il futuro proprio, del suo popolo, finanche il nostro, e per riuscirci addiverrà a soluzioni creative, impegnative, irriverenti e da molti inaspettate.

Una scena di Thor RAGNAROK - Photo courtesy of MARVEL Studios
Una scena di Thor RAGNAROK – Photo courtesy of MARVEL Studios
Thor RAGNAROK: una storia ironica e irriverente

Irriverente, ecco un aggettivo che ben descrive questo episodio di Thor. Le battute sono incessanti e le allusioni pure. Alcune sono politicamente scorrette, altre sono piccantine e condiscono le situazioni più improbabili, rendendo la scena brillante – soprattutto durante il soggiorno fuori programma su Sakaar, un pianeta da rottamare, retto da un lestofante eccentrico, in cui le botte da orbi e gli incontri fortunati mescoleranno le carte e ritarderanno il rientro a casa.

E cosi Thor RAGNAROK corre veloce sul filo dei suoi 147 minuti di durata che mai si fanno sentire.

Thor RAGNAROK: un inno ai legami sinceri

Il lungometraggio diretto da Taika Waititi è un’iniezione di buon umore e di buoni propositi. Gli amici, la famiglia, le vecchie promesse, le alleanze, il bene della comunità, fanno da padroni senza bisogno di noiose e prolisse spiegazioni o flashback a tambur battente. E ti puoi godere lo sgangheratissimo viaggio persino senza ricordare i dettagli del passato e/o notare i ripetuti rimandi a racconti andati, disseminanti lungo l’intero percorso. E di questa leggerezza siamo grati agli sceneggiatori di Marvel.

Una scena di Thor RAGNAROK - Photo courtesy of MARVEL Studios
Una scena di Thor RAGNAROK – Photo courtesy of MARVEL Studios

Thor RAGNAROK è un distillato di evasione, puro godimento per occhi e orecchie. Esatto anche l’udito ne esce soddisfatto grazie ad una serie di hit rock che caricano tanto i protagonisti, pronti allo scontro, quanto noi in platea, bramosi di goderci la resa dei conti. È inutile negarlo, alla fine, non era questo ciò che ci aspettavamo. Nessun dramma nonostante l’imminente apocalisse, ma un film che pare un azzardo per quanto dirazzi dal seminato e colga alla sprovvista. E la domanda sorge spontanea: il legame con il pubblico si rinsalderà e il passaparola attirerà nuovi occhi famelici di supereroi, che non si tirano indietro difronte ad una scazzottata dopo una birra di troppo, oppure sarà ora di pensare al pre-pensionamento?

Thor RAGNAROK: se lo vedessimo a Lucca?

Thor RAGNAROK approda nei nostri cinema il 25 ottobre e mercoledì 1 novembre aprirà l’edizione 2017 di Lucca Comics & Games. Sino ad allora l’unica domanda da porsi è se Hela, la Dea della Morte (col volto di Cate Blanchett), avrà i giorni contati oppure riuscirà a sconfiggere Thor e la sua squadra ineguagliabile. In attesa di trovare tutte le risposte, potete consolarvi col trailer italiano.

Vissia Menza

          

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi