Ma se domani... > Cinema > Al Cineforum – il film La Tenerezza: che fatica stargli al passo

Al Cineforum – il film La Tenerezza: che fatica stargli al passo

il poster del film La Tenerezza
il poster del film La Tenerezza

è giovedì

ci affrettiamo tutti al cineforum, entriamo uno dopo l’altro e subito le luci si attutiscono, il buio fa il suo ingresso trionfale e il grande schermo si ravviva portandoci diretti a Napoli sotto la guida dello stimato Gianni Amelio

l’atmosfera è colorata, i suoni accesi e la trama opulenta, un ineguagliabile Renato Carpentieri nelle vesti di Lorenzo, un vecchio avvocato in pensione, vedovo con due figli da cui tiene le distanze, accoglie a suo modo i nuovi vicini arrivati dal Nord, Michela e Fabio e i loro due figlioletti

Una scena del film La Tenerezza - Foto: Claudio Iannone

con la sua presenza questa giovane madre, una Micaela Ramazzotti un po’ sopra le righe a mio parere, riaccende in lui quel sentimento paterno che da tempo lo aveva abbandonato e che bisticcia con la sua interiorità ad ogni piè sospinto

talloniamo Lorenzo nel suo procedere complesso, tentiamo di spingerlo tra le braccia della figlia premurosa, cerchiamo di trattenerlo mentre inciampa nella rudezza verso quel suo caro figlio così tanto trascurato, ma che fa, sta diseducando il nipotino, dapprincipio sorridiamo, invece il dolore prende il sopravvento e dai lasciati andare è il figlio di tua figlia ha bisogno di te, lasciagli un bel ricordo per quando te ne sarai andato per sempre, suvvia, respira, rilassati, ma lui non ci dà retta, lo vediamo perdere l’equilibrio e rotolare a rotta di collo per la sua strada, una strada dissestata e tortuosa che ne affianca altre dove s’incamminano tutti i personaggi della storia e si intrecciano qua e là

che fatica stargli al passo

Una scena del film La Tenerezza - Foto: Claudio Iannone

le loro fatiche diventano le nostre, ne sentiamo il peso in tutto il corpo, ci si incurvano le spalle, il capo si fa pesante, i nostri sguardi rattristati a volte si rifiutano di guardare, chiudiamo gli occhi in attesa di voci rassicuranti, che ogni tanto arrivano e ci rianimano

ah, caro Lorenzo, come ti vogliamo bene quando ti lasci andare così teneramente con Micaela che chissà perchè si merita il tuo affetto più della figlia, cosa mai ti avrà fatto quella poveretta

ruoto la testa a sinistra e a destra, a destra e a sinistra, sono circondata da visi severi e cuori pesanti, sobbalzo, riavvolgo nella mente la pellicola e mi intrufolo nella trama in cerca di ulteriori segnali di speranza

non mi basta una stretta di mano finale

Elisa Bollazzi

n.d.r. il film La Tenerezza è disponibile in home video su Amazon da settembre 2017

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi