Ma se domani... > Cinema > Al Cineforum – il film Le cose che verranno: per te Isabelle

Al Cineforum – il film Le cose che verranno: per te Isabelle

il poster italiano del film Le cose che verrano
il poster italiano del film Le cose che verrano

è giovedì e Isabelle Huppert, la grande attrice minuta e carismatica, mi attrae al cineforum con forza, la ammiro sulla locandina e mi affretto in sala per gustarmela sul grande schermo in Le cose che verranno di Mia Hansen-Løve, giovane acclamata regista francese vincitrice dell’Orso d’Argento al Festival di Berlino del 2016 per la miglior regia di questo film

una promessa insomma

le luci si offuscano, entra in scena il buio e lo sguardo si allarga su un oceano sconfinato, eccola, statuaria come sempre fin dalle prime immagini, Isabelle nei panni di Nathalie, in gita al mare con marito e due figli piccoli, una famiglia come tante in vacanza nel nord della Francia, quando d’improvviso, con un balzo nel tempo la ritroviamo a Parigi, più matura, insegnante di filosofia, sposata, i due figli cresciuti e ormai fuori casa

Una scena del film Le cose che verranno - Foto: Satine Film
Una scena del film Le cose che verranno – Foto: Satine Film

la sua routine quotidiana ci sfila davanti con lentezza, l’insegnamento al liceo, la casa, gli incontri con l’editore, una mamma dalla mente fragile, un marito intellettuale, una bella casa sempre in ordine, un’amicizia con un ex studente avvenente, due figli silenziosi, un gatto, c’è tutto e gli ingredienti sono di qualità, eppure manca qualcosa, che sia la passione

non so ancora

cerco quel qualcosa ovunque, allerto le orecchie e le indirizzo dapprima sulla colonna sonora, poi sui dialoghi e i rumori di sottofondo, simultaneamente gli occhi si dedicano ai colori, alle inquadrature e alle scenografie, è tutto perfetto, è innegabile, anzi troppo perfetto, mi sorge il dubbio che ci sia una cortina divisoria tra lo schermo e il pubblico, devo assolutamente trovarla e aprirla, voglio entrare nella storia con tutta me stessa, la cerco con attenzione invano e all’improvviso sento l’angoscia attanagliarmi il corpo e la mente, mi sento costretta lì in quella comoda poltrona, sopraffatta da una rigidità fastidiosa, vorrei poter cambiare marcia, accelerare e in un battibaleno dare una svolta alla storia, per favore, Isabelle, tu che sei tanto brava, mettici del tuo, dacci una mano

Una scena del film Le cose che verranno - Foto: Satine Film
Una scena del film Le cose che verranno – Foto: Satine Film

mi guardo intorno sfiduciata e con stupore mi ritrovo circondata da visi incollati allo schermo, allungo lo sguardo più in là e noto qualcuno con gli occhi chiusi, altri alle prese con il cellulare, assonnati e distratti, mi sento meno sola nel mio smarrimento, racimolo il poco entusiasmo rimasto e mi rituffo nella trama

lo faccio per te, Isabelle

ma il mio povero cuore pronto a sobbalzare e scalpitare si raggela e soffre, che tristezza

una serie di eventi inattesi e spiacevoli aprono uno spiraglio, la madre viene a mancare, il marito la lascia per un’altra donna e Nathalie si ritrova sola a doversi reinventare una nuova vita, altre occasioni perse per infiammare gli animi

disillusa mi rannicchio su me stessa e mi dedico ai miei pensieri quando d’un tratto molteplici risatine e mugolii di apprezzamento di un pubblico entusiasta risvegliano il mio interesse, sollevo lo sguardo e cosa vedo, un grosso gatto sornione in primo piano 

la ciliegina sulla torta 

Elisa Bollazzi

n.d.r. un clic qui per leggere la recensione del film Le cose che verranno (L’Avenir) dalla Berlinale. Su Amazon trovate il DVD in versione originale

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi