//Al Cineforum – il film Vittoria e Abdul: lui è musulmano lei no

Al Cineforum – il film Vittoria e Abdul: lui è musulmano lei no

By | 2018-02-16T22:43:09+00:00 febbraio 18, 2018|Cinema|
la locandina del film Vittoria e Abdul

la locandina del film Vittoria e Abdul

stiamo per trascorrere un giovedì sera in compagnia del film Vittoria e Abdul, Vittoria regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda dal 1837 e Imperatrice d’India dal 1877, Abdul un giovane impiegato indiano inviato da Agra a Londra durante le celebrazioni del giubileo del 1887 per consegnare un dono alla regina

gli attori protagonisti sono due star del cinema occidentale e Bollywoodiano, Judi Dench e Ali Fazal, due mondi del cinema a confronto e in dialogo, stiamo forse per assistere a un atto di integrazione cinematografica oltre che di integrazione razziale di cui, immagino, ci parlerà il film 

la regia è dell’eclettico regista britannico Stephen Frears che ha segnato la storia del cinema, con un balzo riavvolgo i miei ricordi fino al lontano 1985, più precisamente a My Beautiful Laundrette, indimenticabile lo scalpore suscitato, ci sollecitava a riflettere sul tema dell’omosessualità, le difficili relazioni tra la comunità bianca e quella indiana e metteva a fuoco la politica inglese di allora con Margaret Thatcher alla guida, un appassionante intreccio di spunti su cui riflettere

una scena del film Vittoria e Abdul - Photo: courtesy of Universal Pictures Home Entertainment Italia

una scena del film Vittoria e Abdul – Photo: courtesy of Universal Pictures Home Entertainment Italia

gli anni passano e Frears continua a speculare intorno a quelle tematiche a lui tanto care, l’intolleranza tra i popoli, gli amori interraziali e impossibili, la monarchia passata e recente con le sue contraddizioni, e qui si avvale della storia vera dell’amicizia fra la regina e il servo ricostruita abilmente dalla scrittrice Shrabani Basu nell’omonimo libro, la trama ha dell’inverosimile ed è ispirata a fatti realmente accaduti, per lo più, così ci suggerisce il grande schermo

in due parole, Vittoria e Abdul provano un’attrazione profonda l’uno per l’altra, lei è vecchia lui è giovane, lei è inglese lui è indiano, lei è nobile lui è umile, lui musulmano lei no, eppure uniti da un’identica sensibilità che sfonda ogni barriera anagrafica, di rango e di razza che sfocia in un legame profondo e casto

osteggiato da tutti

una scena del film Vittoria e Abdul - Photo: courtesy of Universal Pictures Home Entertainment Italia

una scena del film Vittoria e Abdul – Photo: courtesy of Universal Pictures Home Entertainment Italia

la recitazione è impeccabile, le scenografie magnifiche, la fotografia appagante eppure, ahimè,  manca qualcosa, apro bene gli occhi e lo cerco in ogni angolo dello schermo, invano

dov’è finito il Frears in fermento che scava nell’essenza della vita, la sviscera e ce la spiattella davanti lasciandoci ammaliati, mi guardo intorno, il pubblico è attento, gli occhi puntati sul grande schermo, le spalle composte, che stiano tutti cercando con occhi spalancati ciò che ci sfugge

non so

Elisa Bollazzi

n.d.r. il film Vittoria e Abdul sarà disponibile in DVD e Blu-ray dal 7 marzo 2018 con Universal Pictures Home Entertainment Italia

Artista e scrittrice si diletta a trasformare in un flusso di parole la sua vita itinerante da una galleria a un museo da una sala cinematografica a un teatro da un incontro con l’autore a una biennale.
Inizia a scrivere a sei anni sotto l’amorevole guida dell’adorata maestra Luigia. Dapprima le vocali: 40 a 40 e 40 i 40 o 40 u in seguito le consonanti, 40 per ognuna e quindi tutte in fila. Di lì a poco vocali e consonanti abbracciate in mille modi all’apparenza indecifrabili: ab ac al am an ao ar as at au av az Ba bo bu Ca cc ci cr cu Da du Aa dd nn pp ss vv zz, inspiegabili suoni che d’un tratto trovano un senso e come d’incanto si trasformano in parole e pensieri. Elisa sa guardare, ascoltare, pensare e ora anche scrivere: il gioco é fatto!
Dal 1990 si dedica con devozione al suo Museo Microcollection

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi