Il cappotto e il naso: due piccoli capolavori di Gogol

icona-newton-gogol

Il prossimo 4 settembre Newton Compton pubblicherà, nell’ambito della sua collana Live, due tra i più celebri racconti di Nikolaj Gogol’: “Il cappotto” e “Il naso” saranno in libreria al prezzo di un paio di caffè. E’ una occasione per dedicarsi a due capolavori della narrativa breve, meravigliose dimostrazioni di come si possa dire tanto […]

Recensione Maschio bianco etero di John Niven

icona-maschio-bianco-etero

Lo sapevo. Io lo sapevo. È per quello che avevo risposto un po’ bofonchiante a messaggi e mail che commentavano la nuova uscita di John Niven, l’autore del geniale “A volte ritorno” che avevo celebrato qualche anno fa. Oh, non so che dirvi, me lo sentivo. Un po’ la sinossi di accompagnamento del nuovo romanzo, […]

Albergo Italia, il nuovo giallo di Carlo Lucarelli

icona-lucarelli

Carlo Lucarelli è abituato a farci viaggiare: nel tempo, con le serie televisive dedicate ai misteri d’Italia, ed anche nello spazio, con ambientazioni romanzesche sempre piuttosto originali. Ne è passata di acqua sotto i ponti dal suo esordio con un trittico di ambientazione storica di pieno Ventennio! A distanza di qualche anno da “L’ottava vibrazione”, […]

Recensione Assassino senza volto di Henning Mankell

icona-assassino-senza-volto

So che non mi crederete ma c’è stato un tempo in cui, avvicinandosi alla sezione gialla della vostra libreria preferita, non sareste stati aggrediti da una mezza dozzina di autori nordici. Dalla comparsa di Stieg Larsson in poi la storia è cambiata: il successo planetario della trilogia Millennium ha influenzato le abitudini di lettura degli […]

Recensione Presagio di Andrea Molesini

icona-presagio-copertina-molesini

Andrea Molesini è uno dei pochi autori capace di indurmi una sorta di regressione infantile: passeggio nei meandri dei siti web di argomento letterario, vengo attratto da una copertina Sellerio, mi accorgo dell’uscita del nuovo Molesini e mi metto a saltellare scompostamente sulla sedia, battendo i piedi e mormorando continuativamente “lovoglio-lovoglio-lovoglio”. Va da sè che […]