Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione After Dark di Haruki Murakami

Recensione After Dark di Haruki Murakami

copertina_after_dark_murakami

I romanzi di Murakami sono spesso accompagnati da un aggettivo: “onirico”.

“After dark” non fa eccezione.

E allora facciamo così. Facciamo che chiudi gli occhi, posizioni sotto la testa il tuo cuscino preferito, tiri su il piumone, ti addormenti.

Ti addormenti e sogni. Sogni una Tokio notturna di bar e love hotel, sogni una bellissima ragazza che ha deciso, coscientemente, di non svegliarsi per un bel po’. Sogni l’incontro fra l’incantevole Mari, sola a leggere un libro, ed un giovane musicista, sogni un impiegato modello dedito agli straordinari notturni ed alla violenza.

Poi sogni un televisore, che non è un normale televisore e che supera, in qualche modo, i limiti dello spazio e del tempo. Succede, nei sogni.

Poi ti svegli, ti accorgi di essere arrivato alla fine di queste splendide 180 pagine, e ti viene voglia di chiamare Mari, di sapere se è ancora vivo quel sentimento che ti è sembrato di veder nascere, o se la sorella si sia svegliata o meno.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi