/, Libri, Recensioni/Recensione La Sparizione, ultimo giallo svizzero di Andrea Fazioli

Recensione La Sparizione, ultimo giallo svizzero di Andrea Fazioli

By |2016-02-29T23:57:27+00:00gennaio 18, 2011|Lettura, Libri, Recensioni|

Ci sono personaggi destinati a diventare talmente ingombranti da annichilire lo spessore di chi li ha immaginati, plasmati, rinchiusi in una pagina scritta.

La serie che ha per protagonista Elia Contini – e di cui “La Sparizione” rappresenta al momento l’ultimo capitolo – mi ha finora regalato delle bellissime sensazioni giallistiche, ma sarei sorpreso e dispiaciuto se finisse per limitare il talento – perchè di talento si tratta – di Andrea Fazioli, giovane scrittore, giornalista, insegnante italo-svizzero.

“La sparizione”, dunque, ripropone la figura di Contini, perfettamente diviso fra la sua natura decisamente misantropa (rappresentata dalla casa immersa nelle montagne, e dalla caccia fotografica alla volpe) e la necessaria socializzazione di città. Un Contini che ha abbandonato il mestiere di investigatore privato e si mantiene con qualche pezzo sul giornale locale, in una solitudine cercata e mai del tutto abbandonata inserita in una trama che celebra l’essenza stessa della scomparsa, dell’assenza di contatti, dello sfiorire di un ricordo. Una trama in cui emerge la figura di Natalia, giovane studentessa colpita dal trauma della perdita del padre prima e dall’omicidio della madre immediatamente dopo. Una combinazione che la porterà a non riuscire più a parlare, e che cosa più della mancanza di parola può simboleggiare perfettamente la solitudine?

Tra Contini e Natalia, o meglio intorno a loro, si muovono personaggi piccoli per moralità e spessore, descritti con quella leggera ironia tipica di Fazioli che non scalfisce minimamente la veemenza della denuncia, ed anzi la rafforza. Prova ulteriore della capacità dell’autore di muoversi su scenari anche molto differenti, e che mi fa ben sperare in funzione dell’esortazione iniziale: Andrea, non farti pervadere unicamente dalla lieve ma invadente presenza del Contini, e regalaci anche qualcosa di diverso!

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi