/, Libri, Recensioni/Recensione Assassinio a Prado del Rey di Manuel Vasquez Montalban

Recensione Assassinio a Prado del Rey di Manuel Vasquez Montalban

By |2016-02-29T23:56:59+00:00aprile 26, 2011|Lettura, Libri, Recensioni|

E’ come quando non senti un amico lontano per tanto, troppo tempo. E poi una telefonata, una mail, una lettera (sì, nonostante i problemi logistici, c’è ancora chi spedisce lettere…), e ti sorprendi a bearti di ogni parola, leggi ad un quarto della tua velocità tradizionale, con una attenzione che non riserveresti nemmeno ad un contratto prima di metterci la tua firma svolazzante.

E qui, la lettera arriva da molto lontano, perchè Montalban ci ha abbandonato poco più di sette anni fa, volando via da questo mondo a Bangkok. La scelta del verbo volare non è casuale, “Gli uccelli di Bangkok” fece scoprire il talento giallistico di Montalban nel 1990 e fu proprio l’aeroporto della capitale thailandese ad accogliere il suo ultimo respiro.

Ci scrive da molto lontano, Montalban; e lo fa accompagnandosi alla sua creatura più famosa e amata, Pepe Carvalho, protagonista dei tre racconti che compongono questo inedito.

Nel racconto che regala il titolo al libro, Carvalho va a Madrid per indagare sulla morte di Arturo Araquistain, un regista di origine basca, assassinato in uno studio della TV spagnola e ritrovato con un mazzo di violette attaccato alla cerniera dei pantaloni. E’ il pretesto per raccontare di media e corruzione, ballerine e scrittori falliti, con una scrittura forse più amara del solito e probabilmente un po’ influenzata dallo scarso successo della creatura televisiva di Montalban.

Intriganti anche le altre due storie che completano il volume, con il solito, umanissimo Carvalho e la bizzarra coltre di personaggi che lo circonda. Biscuter, Fuster, Charo ci accompagnano in questo malinconico percorso: una malinconia non dettata dalla scrittura o dalle tematiche, venate anzi da un sottilissima e gradevole ironia, ma dalla consapevolezza che anche gli inediti, presto a tardi, arriveranno a un totale esaurimento.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi