Ma se domani... > Cinema > Festival > Festival del Film Locarno: i migliori corti

Festival del Film Locarno: i migliori corti

Sarà che in tv non li becco mai, o sarà che – festival a parte – sono un po’ complessi da trovare in programmazione nelle sale, ma a me i corti piacciono proprio tanto…

Pillole di corti da Locarno – “Pardi di Domani” Concorso Internazionale

 

Gruppo 1
Dopo un ballottaggio con “Do you have a story?”, voyeuristico corto croato sulla relazione di coppia, nel Gruppo 1 decido di propendere per “Neighbours” di Josh Levinsky: sedici minuti inglesi tutti in bianco e nero in cui il rapporto di vicinato si trasforma ogni sera alle 18 in una lotta assolutamente non metaforica e senza esclusione di colpi. Un po’ di Fight Club ed una bella spruzzata di Kafka in una pellicola dal giusto ritmo e dai molti significati.

 

neighbours
(c) Festival del Film Locarno 2011

 

Gruppo 2
Nel secondo gruppo, scelgo senza troppe esitazioni “Vegtelen Percek” (“Infinite minutes”), una produzione tutta est europea diretta dall’ungherese Cecilia Felmeri.
Una storia intrigante ambientata in un ospedale e narrata con un continuo ribaltamento dei piani temporali: dal patologo che colleziona calchi di tatuaggi alla paziente ricoverata per uno scompenso cardiaco, fino al direttore della struttura fulminato mentre è a letto con la psicologa, in un filo narrativo comune che li raccoglie intelligentemente.

 

(c) Festival del Film Locarno 2011

 

Gruppo 3
Nel terzo gruppo ho cercato di superare i sentimenti nazionali, ma il corto che mi ha convinto di più è stato proprio “Il respiro dell’arco” di Enrico Maria Artale. Una intensissima protagonista, a metà fra una Lisbeth del tiro con l’arco ed una mitologica Nemesi vendicativa, in una storia nerissima venata di sanguinolento che soddisfa le mie tendenze thrilleristiche.

 

Il respiro dell'arco
(c) Festival del Film Locarno 2011

 

Gruppo 4
Lo so, lo so, è la mia passione per l’assurdo che mi farà operare questa scelta, ma non riesco a resistere: dopo le frecce insanguinate de “Il respiro dell’arco” mi ci voleva proprio la storia di un uomo il cui braccio sinistro decide – improvvisamente – di prendere il controllo della situazione. E’ il tema di “Links-Rechts” (“Left-right”), deliziosa produzione belga in cui l’assenza di dialogo non si soffre minimamente.

 

Left Right
(c) Festival del Film Locarno 2011

 

Gruppo 5
Inevitabilmente girato in bianco e nero, il corto-non-troppo-corto “Les Enfants de la nuit” (27 minuti) ha il pregio di far tuffare lo spettatore in una trama che si sviluppa nel corso della seconda guerra mondiale fra amori improbabili e naturalmente contrastati. Henriette, figlia di partigiani prende una bella cotta per un soldato nazista.

 

Left Right
(c) Festival del Film Locarno 2011

 

Gruppo 6
Nel gruppo più ricco di pellicole interessanti, scelgo di dedicare un pensiero a “The balcony affair”: il regista canadese Jamie Cussen si diletta e ci diverte con la storia di un sentimento, vissuto da un balcone all’altro. Protagonisti due anziani costretti in casa dalla prole, in un sentimento fatto di sguardi e gesti al di là della strada tra due condomini antistanti.

 

balcony_affair
(c) Festival del Film Locarno 2011

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi