/, Cinema, Festival/Berlinale 2012 – Special: “I, Anna”

Berlinale 2012 – Special: “I, Anna”

By | 2012-02-29T08:17:29+00:00 febbraio 29, 2012|Anteprima, Cinema, Festival|
I, Anna

© Berlinale

Evento speciale della 62ma Berlinale, la proiezione di “I, Anna”, con la sempre incantevole Charlotte Rampling la cui ultima presenza in città fu in qualità di Presidente della Giuria, ha chiuso una delle mie prime serate di festival. L’attrice è arrivata in compagnia del regista (e figlio) Barnaby Southcombe per presentare la loro prima collaborazione su grande schermo, nonché opera prima: un ritratto realizzato con tristezza, freddezza e realismo di ciò che esiste e non vogliamo vedere. Quando il tempo passa, l’uomo porta con sé il fascino di George Clooney, la donna sola, invece, superati i 50 anni è vista come una disperata “passatella” senza chances di una seconda occasione e da ciò non pare esserci scampo!

La storia è quella di Anna, che tempo addietro ha messo più di un piede in fallo ed ora, nonostante le pesanti conseguenze, non molla e ci riprova. Inizialmente parrebbe fortunata posto che grazie ad un’indagine di polizia in cui inciampa uscendo da un palazzo dopo un primo appuntamento pessimo fa la conoscenza dell’affascinante quanto sentimentalmente incasinato detective Bernie (Gabriel Byrne), che pare ben più impacciato ed arrugginito di lei nell’arte del corteggiamento di mezza età. Più i due si conoscono, più però si insinua il dubbio, emergono punti oscuri e porte che sarebbe meglio non venissero aperte.

I, Anna

© Berlinale

Storia straziante, ma non strappalacrime, con una Rampling in perfetta forma in grado, con un singolo e semplice sguardo, di comunicare efficacemente il disagio meglio di quanto riuscirebbero a fare molti suoi colleghi con a disposizione un intero soliloquio; e un Gabriel Byrne che ci confonde con il suo disorientamento e per cui tifiamo quando, sopraffatto dagli eventi, dovrà rincorrerli come il miglior maratoneta. Perché questo è comunque un thriller con una trama che viaggia su due binari: un primo appuntamento andato male e un omicidio che si insinuerà sempre più nella vita della nostra protagonista, attraverso i cui occhi vediamo tutto ciò che accade.

Tratto dall’omonimo bestseller degli anni ’90 e sceneggiato direttamente da un regista con molto teatro sulle spalle, questo film narra una storia poco allegra e apparentemente ambigua, ma pure affascinante ed intrigante che tiene sulle spine e incuriosisce sino alle sorprendenti ed angoscianti battute finali nonostante il movimento presente sia molto poco. Insomma, un’opera che pare impegnarsi a non avere azione se non quella necessaria, ma che comunque funziona. L’atmosfera è grigia, quasi monocromatica e umida, costruita sulla gestualità e su eloquenti sguardi più che aggrappata a serrati scambi di battute, opprime senza mai soffocare. La narrazione è davvero all’europea, non concilia il sonno anche se sorge più di un sospetto che si volesse ostentare il marchio di fabbrica tutto del vecchio continente: questo è un noir non un thriller e tutti ci tengono a sottolinearlo!

I, Anna

© Berlinale

Missione compiuta, tutti i tratti tipici di una cinematografia di forte influenza francese sono presenti ed ammettiamo che nonostante i silenzi (di cui non sono una particolare fan) una accelerata tutta a stelle e strisce avrebbe davvero stonato. Forse il punto forte sono i soli 90 minuti che non concedono il tempo allo spettatore di farsi sopraffare dalla stanchezza.

Ennio Flaiano amava ricordare che “Il cinema è l’unica forma d’arte nella quale le opere si muovono e lo spettatore rimane immobile.”, ed è Vissia ad accompagnarci con passione e sensibilità nelle mille sfaccettature di un’arte in movimento. Ma non solo. Una guida tout court, competente e preparata, amante della bellezza, che scrive con il cuore e trasforma le emozioni in parole. Dal cinema alla pittura, con un occhio vigile per il teatro e la letteratura, V. ci costringe, piacevolmente, a correre per ammirare un’ottima pellicola o una mostra imperdibile, uno spettacolo brillante o un buon libro. Lasciarsi trasportare nelle sue recensioni è davvero facile, perdersi una proiezione da lei consigliata dovrebbe essere proibito dal codice penale. Se qualcuno le chiede: ma tu da che parte stai? La sua risposta è una sola: “io sto con Spok, adoro l’Enterprise e sono fan di Star Trek”

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi