//, Editoriali/Amelia Earhart, una leggenda americana

Amelia Earhart, una leggenda americana

By |2016-02-29T23:30:42+00:00agosto 19, 2012|Curiosità, Editoriali|

In seguito alla notizia del presunto ritrovamento dei resti del velivolo di Amelia Earhart, riceviamo e pubblichiamo questo profilo della celebre aviatrice scritto da Carlo d’Agostino, giornalista aeronautico, autore di libri di storia dell’aviazione e attualmente addetto stampa dell’Associazione 4° Stormo.

Amelia all'esordio della sua carriera aeronautica

Nata nel 1898, Amelia aveva 5 anni quando i fratelli Wright sollevarono dal suolo il “più pesante dell’aria” nella pianura di Kitty Willa in Carolina. Indubbiamente negli anni a seguire il fermento che questo nuovo mezzo di trasporto suscitò negli Stati Uniti e nel resto del mondo segnò la sua crescita e la portò a considerare l’aviazione come una attività non esclusivamente riservata agli uomini.

I primi onori della cronaca, “immeritati” affermerà lei stessa al termine dell’impresa, li ottenne il 17 giugno 1928 partecipando come passeggera alla trasvolata della costa dell’Atlantico da Terranova a Swansea a bordo di un idrovolante trimotore Fokker F VII pilotato da Wilmer Stulzt.

Nel maggio 1932 è ormai pronta ad una grande impresa, la prima trasvolata atlantica compiuta in solitario da una donna (Charles Lindberg l’aveva già effettuata nel luglio 1927 sulla tratta New York – Parigi). Con il suo monomotore Vega decollò da Terranova per atterrare in un prato nella contea di Londonterry in Irlanda dopo quindici ore e qualche minuto di volo. Con lo stesso velivolo fu la prima donna a volare coast to coast negli USA e da quel momento si dedicherà in modo particolare alle trasvolate in completa solitudine: nel gennaio 1935 dalle Haway alla California e, successivamente, in volo da Los Angeles a Città del Messico. Per gli americani Amelia è ormai “Lady Lindy”, versione femminile di Lindberg, e nel 1936 riceve l’ambito ed importante Trofeo Harmon della Lega internazionale degli aviatori.

Ad Amelia vennero dedicate canzoni e temi musicali

Nello stesso anno, comincia a prendere forma il più ambizioso progetto di Amelia: la circumnavigazione del mondo lungo la sua massima ampiezza, cioè l’equatore. Si necessitava quindi di un velivolo altamente affidabile e la scelta cadde sull'”Electra”, bimotore costruito dalla Lockheed e dotato dei migliori strumenti per la navigazione dell’epoca.

Il 5 giugno 1937, dopo due tentativi di decollo non riusciti, Amelia Earhart con il navigatore – decisamente “imposto” dal governo americano, l’ufficiale di marina Fred Nooman – decollava da Miami per raggiungere Portorico e proseguire poi nei giorni successivi toccando Suriname, Brasile, Dakar (dopo aver attraversato l’Atlantico) e via via Khartoum, Calcutta, Singapore, Port Darwin in Australia per giungere in nuova Guinea dopo 30 giorni di volo e 35.000 km percorsi.

L'Electra di Amelia Earhart in volo sull'isola di Java, 1937

La tappa successiva doveva essere l’isola di Howland nel Pacifico: un volo di oltre 4.000 km affrontato con carburante sufficiente per 6.400 km e malgrado Nooman segnalasse qualche problema alla radio di bordo. Amelia decise di partire ugualmente e decollò il 2 luglio per scomparire nel nulla, dopo un unico contatto radio con una nave della Marina statunitense in cui comunicava di essere a 320 miglia (circa 600 km) dall’isola.

Il Governo degli Stati Uniti fece svolgere inutilmente intense ricerche nell’area e, negli anni successivi, sorsero naturalmente svariate “leggende” sulla scomparsa di Amelia e Noonam: tra le più curiose, quella di un atterraggio d’emergenza in territorio giapponese dell’aereo con conseguente esecuzione delle due “spie” americane e quella di un rientro in patria sotto falso nome alla ricerca di una nuova esistenza in tranquillità e lontana dai riflettori.

Anche i ritrovamenti di resti scheletrici e di parti del velivolo si sono succedute negli anni, senza mai approdare ad una soluzione definitiva. E’ inevitabile quindi che ogni annuncio in tal senso venga considerato con un certo sospetto, e che sia giusto attendere prima di annunciare la conclusione del “caso aeronautico” per eccellenza nella storia dell’aviazione.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi