Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Recensione film Monsieur Lazhar: una fiaba molto reale

Recensione film Monsieur Lazhar: una fiaba molto reale

Canada, neve, una scuola, scolari che fanno ricreazione, bucolica scena di quotidianità sino a quando un allievo rientra anzitempo e trova la maestra senza vita in classe. Bambini turbati e adulti nel panico. I grandi sono scossi forse anche più dei piccoli allievi e dimostrano come non siano in grado di gestire la situazione. Poi arriva Bachir Lazar. Algerino, educato, riservato, estremamente attento, dall’animo davvero gentile, competente e molto composto ed impostato grazie ad un immenso autocontrollo. Egli, appresa la notizia dai giornali, si presenta a scuola per supplire alla cattedra vacante.

Bachir saprà farsi amare e stabilire un dialogo, talvolta anche complice, con la sua classe. E nonostante venga da terre lontane, dimostra di avere meno tabù dei colleghi del luogo. Quella che era divenuta in un attimo la classe più problematica dell’istituto ora è la sua, i piccoli devono fare i conti con un trauma e pure con un nuovo maestro dai modi e dalla mentalità molto differenti da quelli di Monique, la giovane e fragile maestra che ha preferito chiudere anzitempo il suo viaggio in questo mondo. Il confronto è inevitabile e diventa di genere e culturale. Monsieur Lazhar è diverso, il suo metodo è di altri tempi e luoghi, ma produrrà inaspettati effetti positivi sugli allievi. Tutto con lui è quieto e ovattato quasi un confortevole abbraccio che permette a tutti di superare gli ostacoli interiori.

Anche Bachir Lazhar, infatti, ha un problema, anzi più di uno, che si porta dentro dal giorno in cui ha lasciato l’Algeria. Per sopravvivere egli contiene il suo immenso dolore col silenzio, per non dimenticare è disposto a non condividere il suo passato, ma esso riaffiorerà involontariamente proprio in classe, difronte a quei piccoli innocenti che hanno appena assistito a qualcosa di traumatico che pare aver segnato molto più gli adulti di loro. L’elaborazione del lutto quando si è imbrigliati nelle convezioni tipiche dell’età adulta è molto più difficoltosa di quanto riescano a fare infatti, con la loro innocenza, i più giovani. Il silente insegnante, grazie al suo dolore, aiuterà i bambini a superare il proprio… la vita è davvero ironica!

Monsieur Lazhar è un’intelligente opera che dimostra come con delicatezza si possano narrare storie tristi e farle apparire poetici racconti di vita. Monsieur Lazhar è l’adattamento di una pièce teatrale di Evelyne de la Chenelière (“ Bachir Lazhar”) che con semplicità riesce ad affrontare temi importanti legati alla vita, alla morte, ai traumi vissuti in due diversi mondi e modi (quello dei  bambini e degli adulti). E Monsieur Lazhar è un film leggero pur toccando molto argomenti. Il suo segreto è che lascia ad ognuno di noi la possibilità di cogliere quello che preferisce: dalla fiaba, al dramma del suicidio, dall’importanza della famiglia al problema della perdita. Tutto è possibile, nulla è scontato, non è frastornante ed induce a pensare solo se si vuole.

Voto:7 ½. Monsieur Lazhar è consigliato a tutti coloro in grado di sentirsi appagati anche senza pallottole a pioggia, rumori assordanti ed altre magnificenze 3D. Qui sono importanti soprattutto le parole ed i silenzi!

Vissia Menza 

 

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi