Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Recensione film The Possession – Il male vive dentro di lei

Recensione film The Possession – Il male vive dentro di lei

“The Possession” è una “terrificante storia”, è un film “basato su fatti realmente accaduti” che ha fatto “tremare” non solo le persone coinvolte, bensì anche coloro che hanno riportato la notizia sui giornali. Una famiglia agiata, due genitori divorziati, ma con incondizionato affetto nei confronti delle figlie, si ritrovano improvvisamente a dover credere alle forze del male. Più o meno annunciato come una pellicola davvero inquietante, l’ingresso alla proiezione è stato accompagnato da un mix di suggestione e titubanza. Insomma, eravamo preparati ad uscire dalla sala tramortiti, terrorizzati ed a prendere in prestito la lucina per la notte di figli, nipotini o vicini 🙂

La nuova casa di Clyde (Jeffrey Dean Morgan) è isolata, la classica villetta con giardino lambita da un bosco che per una volta non cela alcun oscuro segreto, non ospita offensivi spettri e non sarà dimora di loschi ceffi dalle cattive intenzioni. Siamo nel solito sobborgo agiato circondato dal verde in cui Clyde si è appena trasferito. Durante un fine settimana, ad un mercatino di quartiere la piccola di famiglia, Em, acquista una bella scatola in legno dalle intriganti e misteriose incisioni che solo dopo innumerevoli tentativi riuscirà ad aprire. Mai errore fu più grande, un’oscura presenza si impossesserà della bambina che, giorno dopo giorno, perderà sempre più la propria identità. I genitori saranno quindi costretti a combattere uniti per la salvezza di Em e soprattutto a credere alle maledizioni, al demonio, agli esorcismi ed altre simili cosucce.
In effetti, l’inizio è convincente e coinvolgente, complici un’ultima cena alle pareti, una signora che fa una brutta fine ancor prima dello scadere del quinto minuto e la faccia inizialmente troppo angelica della giovane protagonista. Subito è chiaro che Ole Bornedal farà leva sulle nostre paure e, in effetti, appena l’atmosfera si surriscalda tifiamo per la piccola che pare spacciata nonostante la sua anima innocente, soffriamo mentre il demone s’impossessa di lei e riusciamo anche a credere che di li a poco inizieremo ad avere veramente paura.

In soli trenta minuti siamo dentro la casa e ci sentiamo parte di questa famiglia disfunzionale (ma neanche troppo, alla fine siam di fronte al classico padre assorbito dal lavoro e ad una madre ossessiva-protettiva che addossa la colpa della rottura all’assenteismo del marito) e riconosciamo lo schema. La domanda che ci viene posta è (e sarà sempre): sino a dove ci spingeremmo per il bene dei nostri cari? Saremmo disposti a credere al diavolo?
Ma poco dopo, qualcosa succede, la sala si ferma, le poltrone improvvisamente tornano ad essere confortevoli e una risata inizia a diffondersi nella penombra sino a tramutare il clima da sofferto a davvero leggero. Appena si entra nell’ultima parte, Em, ormai spacciata, ci appare livida come Bella di “Twilight” e i personaggi iniziano a recitare battute degne del miglior horror di serie B rispolverato direttamente dagli anni ’80, rendendo inevitabile il diffondersi dell’ilarità e inutile l’immancabile conclusione tra i cadaveri.

Voto: 6. Sufficienza raggiunta perché l’opera ci coglie comunque di sorpresa: i risvolti comici erano davvero inattesi 🙂

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi