/, Editoriali, Fun/Una bella, bellissima biblioteca

Una bella, bellissima biblioteca

By | 2016-02-29T23:30:42+00:00 novembre 24, 2012|Curiosità, Editoriali, Fun|

(No, giuro, non parlerò di basket)

Dunque, l’altra sera stavo indulgendo in uno dei maggiori piaceri possibili immaginabili per una appassionato di palla nel cesto: la combinazione fra una partita dell’NBA e – soprattutto – una puntata, da godere secondo dopo secondo, delle storie di Federico Buffa, capace come nessuno di trascinare nel labile confine fra poesia, cronaca, ricordo, nostalgia. Ci si concentrava sulla storia della Los Angeles Sports Arena, progettata da un genio dell’architettura USA, Welton Becket. La città californiana degli anni 50 e 60, racconta l’ottimo Federico, è punteggiata da una serie di edifici che hanno una caratteristica particolare: fin dalla loro struttura architettonica, mostrano orgogliosamente perché o per chi sono stati costruiti. Un buon esempio? La sede della Capitol Records, che ricorda una pila di 33 giri caricati in un juke-box.

Capitol Records Building, L.A.

Avevo promesso che non mi sarei dedicato alla pallacanestro, e ho (quasi) mantenuto la promessa. Ma ammetterete che lo spunto era davvero buono: edifici con un aspetto che coincide con la loro funzione. “Vuoi vedere che… vuoi vedere che…

Si, vuoi vedere che:

Ci sono Romeo e Giulietta, c’è Comma 22, c’è un po’ di Dickens e persino Tolkien. C’è Platone, c’è (inevitabilmente) Bradbury con Fahrenheit 451, ci sono i Cento anni di Solitudine. E c’è Alice nel paese delle meraviglie, che si scorderà dello Stregatto e rimarrà incantata a guardare la Biblioteca di Kansas City. Voi potete darci un occhio su Google Maps, le coordinate sono 39° 6′ 8.73″ N  94° 35′ 5.58″ W

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi