Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione Le fantastiche avventure di Kavalier e Clay di Michael Chabon

Recensione Le fantastiche avventure di Kavalier e Clay di Michael Chabon

copertina le fantastiche avventure di kavalier e clay di michael chabon

 

Un paio di settimane fa, un mio vicino di Anobii mi ha scritto “Non hai nulla di Chabon nella libreria, leggilo!”.

La settimana scorsa ero in metropolitana e una tizia seduta vicino a me stava leggendo Chabon.

Il giorno dopo ero in libreria e ho trovato un libro piazzato su una mensola al contrario. Non son riuscito a trattenermi e l’ho messo a posto: era un libro di Chabon.

L’idea di tornare a casa e trovarmi Chabon ad attendermi addormentato sullo zerbino mi preoccupava un po’, e mi è sembrato più opportuno cedere a questa serie di coincidenze e portare alla cassa il volume che avevo trovato a testa in giù: si trattava di “Le fantastiche avventure di Kavalier e Clay”, e le giornate successive sono state dominate dai due personaggi che danno il titolo al romanzo e che, posso dirlo senza timore di essere smentito, lasceranno qualcosina in tutti coloro che ci avranno passato del tempo insieme.

Alla ricetta per il perfetto “grande romanzo” concorrono una serie di ingredienti: grande trama, grande scrittura, grandi personaggi. Nelle 800 e più pagine che compongono un libro a cui fu assegnato nel 2000 il Premio Pulitzer questi tre aspetti si rincorrono e si completano a vicenda: i due protagonisti principali, che al volume regalano anche il titolo, entrano nel cuore un passo alla volta, ad iniziare dal primo incontro in un letto da condividere a New York e fino ai flashback che raccontano l’arrivo a Brooklyn di Josef Kavalier. Un arrivo che è in realtà il risultato di una fuga, e non è un caso se i due – novelli fumettisti, l’uno disegnatore e l’altro più portato alla scrittura – finiscano per dare vita ad un personaggio definito l’Escapista, un combattente per la giustizia con la capacità houdinistica di essere sfuggente ad ogni genere di costrizione. Chabon contribuisce così allo sdoganamento di un genere, quello delle graphic novel, a cui sarà quasi costretto a collaborare: nel 2006, una casa editrice americana finirà per produrre un fumetto basato sulle fantasie dei due protagonisti del romanzo, e lo stesso Chabon non potrà esimersi dallo sceneggiarne alcuni. E così, chi si è goduto questo bel romanzo non potrà provare un minimo di emozione nel vedere davvero la chiave d’oro ed il cazzotto scagliato sul grugno di un ignobile baffetto.

Difficile non rimanere incantati da questo romanzo, che con tono leggero eppure penetrante affronta temi che toccano nel profondo. E per un attimo, ho sperato davvero di trovare Chabon sullo zerbino di casa. Avrei offerto un caffè, ed implorato di raccontarmi di più di un artista cecoslovacco in fuga e di un complesso parente newyorchese con cui diventerà grande.

I romanzi di Michael Chabon su Amazon.it

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi