Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Berlinale 2013 – Forum: I kori (the Daughter)

Berlinale 2013 – Forum: I kori (the Daughter)

Siamo a Berlino, è il primo giorno di festival e lo stupore non si fa attendere, già dalla seconda proiezione veniamo presi in contropiede con un’opera di un giovane regista greco che, tra l’altro, è una co-produzione italo-greca.

“The daughter” sin dal titolo ci fa comprendere dove vada a parare, ma come e sino a che punto sarà del tutto inaspettato. La figlia di un uomo pieno di debiti in un’Atene di questi tempi, stretta nella morsa della crisi economica, decide di risolvere la situazione  a suo modo, ossia prendendo in ostaggio il figlio del socio (un po’ furbetto) del proprio padre. Lo scopo della giovane è di riscattare il genitore, di riuscire a raccogliere il denaro necessario a non vergognarsi più e a conquistare la fiducia del padre che oltre ad essere assente ha pure divorziato in malo modo dalla madre della giovane.

Thanos Anastopoulos ' The Daughter
© Berlinale

Gli spunti di riflessione sono quindi molti, ma non come si potrebbe credere a prima vista. È vero, Myrto è una (pre)adolescente con i problemi classici di quella età, la sua famiglia è decisamente disfunzionale, la crisi economica è talmente dilagante da insinuarsi in ogni casa, quindi non stupisce che abbia preso di mira anche il ceto medio, ma il film al posto di sviluppare un noioso pippone socio-politico-economico preferisce tenere tutte le problematiche sullo sfondo e farcele percepire in via mediata, con qualche fotogramma, una frase, un suono, e preferisce concentrarsi sulla piccola e sui suoi comportamenti, perno di una storia che proprio quando crediamo si stia arenando ingrana le marce  più alte pe prende il volo.

Thanos Anastopoulos' I kóri
© Berlinale

Myrto è molto giovane ma è già presente nella realtà, rivuole suo padre, cerca la sua attenzione e stima, la conquista del mondo verrà dopo. La sua è un’età delicata e i gesti estremi fanno da padroni, quindi la soluzione più efficace per ottenere i soldi dovuti da un  socio troppo preso da sé per rendersi conto di nuocere al papà di Myrto, è quella di portargli via Aggelos (suo figlio) e nasconderlo in un ambiente in cui si sentono a proprio agio e, soprattutto, è sotto il naso di tutti sino alle battute finali tanto inattese quando intense.

Sia ben chiaro, il film non è perfetto, ha dei punti in cui la tensione allenta un po’ troppo, ma certe attenzioni denotano un talento che ha margine di crescita. Luce, fotografia, dettagli e suoni non sono lasciati al caso, i giovani interpreti in certi momenti potrebbero essere più efficaci e, forse, la colonna sonora potrebbe venire maggiormente sfruttata, ma dato che si tratta pur sempre della terza prova del regista siamo buoni, perché l’aspetto thriller sa già come svilupparlo.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi