Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione La bella di Buenos Aires di Manuel Vasquez Montalban

Recensione La bella di Buenos Aires di Manuel Vasquez Montalban

la bella di buenos Aires montalban

C’era un tempo in cui i libri di Montalban si succedevano con regolarità. In realtà, per motivi squisitamente anagrafici io ho iniziato a godermelo ben più tardi, il che aiutava ulteriormente: non  avevo solo a disposizione la nuova pubblicazione che, più o meno ogni due anni, lo scrittore catalano regalava ai suoi lettori. Avevo tutto un progresso da recuperare, operazione compiuta con la fedeltà e la rapidità tipica del cercatore d’oro che ha scoperto un filone e non riesce a immaginarne la conclusione.

In realtà la narrativa di Montalban va ben oltre le sole avventure di Pepe Carvalho, investigatore privato amante della buona cucina e dei bei falò, filosofo della vita attorniato da alcuni personaggi che da soli avrebbero meritato di essere protagonisti di una serie letteraria (occavolo, sto incitando qualcuno allo spin off…): il fedele Biscuter (aiutante, cuoco, a volte confidente), il commercialista Fuster (fora l’amico più vero), la bella Charo, il rigido ispettore Contreras (“nemico” quasi per modo di dire). La pubblicazione dell’inedito “La bella di Buenos Aires” costringe a riprendere in mano Carvalho e ad avvertire una solidissima malinconia mista a riconoscenza: a dieci anni dalla scomparsa, possiamo nuovamente tuffare il naso nelle vie di Barcellona, avvinti da una trama che – sarebbe stato difficile immaginare il contrario – avvince e pone le sue radici nell’Argentina dei desaparecidos, nelle pieghe più nascoste del disagio economico della moderna città catalana e nella vita del nostro detective preferito.

illustrazioni per La bella di Buenos Aires Montalban

Il romanzo, originariamente concepito come sceneggiatura di un episodio per una serie televisiva su Carvalho che Montalban stava immaginando proprio per la televisione argentina, fu pubblicato a puntate su El País nel 1997, con le illustrazioni di Fernando Vicente. Per gli appassionati, è certamente da sottolineare il ruolo di Biscuter che, oltre a dare il via alla vicenda trascinando Montalban nella modernità delle comunicazioni via fax (!), assumerà un ruolo di primissimo piano in una indagine che affonderà nella memoria storica di due paesi, ponendo le fondamenta per il viaggio di “Quintetto di Buenos Aires”, altro romanzo certamente molto riuscito della stesse serie.

Ed è sempre agli appassionati che rivolgo un pensiero: non potrete fare a meno di provare nostalgia. Lo so, è (forse) l’ultimo Montalban, ma diventa anche l’occasione per godersi una rilettura dei suoi romanzi che conserviamo sulle mensole. Per me è stato un richiamo irresistibile.

Manuel Vasquez Montalban ritratto

I romanzi di Montalban sono su Amazon.it

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi