Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Recensione Le streghe di Salem: il film di Rob Zombie è al cinema!

Recensione Le streghe di Salem: il film di Rob Zombie è al cinema!

Evento speciale al Future Film Festival di Bologna 2013, film atteso dagli appassionati del genere, opera che sicuramente desterà la curiosità di molti, Le Streghe di Salem è il sesto lavoro dietro la macchina da presa dell’eclettico artista (rocker, attore, film maker) Rob Zombie, persona che si dedica all’horror nelle sue molteplici sfaccettature, che pare divertirsi assai e che gode di un nutrito seguito.

Sempre senza rinunciare ad affidare alla moglie Sheri Moon Zombie il ruolo di prima donna (gnocchissima modella prima, corista durante i concerti del compagno e attrice dopo), in questo film Zombie ci porta a Salem, città c.d. delle streghe e, dopo un riassuntino della storia romanzata in così tante salse da permettere oramai a chiunque di inventarsi la propria versione dei fatti, condendola ovviamente con un quantitativo spropositato di rituali e flash back ai tempi della caccia alle streghe, torniamo nella cittadina di oggi e incontriamo Heidi, dj di una radio locale, la quale per qualche strano motivo diverrà oggetto delle attenzioni delle… streghe!

Sempre in mise che valorizzino il suo fisico, ciondolando e avvolta da un torpore che ci confonde non rendendo più distinguibili sogni, realtà e visioni causate dall’abuso di stupefacenti e da vari rituali mistici delle inquiline del pian terreno, dopo la prima mezzora del tutto tollerabile, la pellicola scivola inesorabilmente verso l’abisso e di paura non se ne prova neppure impegnandosi.

Nonostante il lodevole (ma forse non voluto) tentativo di condire la narrazione con un po’ di suspense investigativa, la seconda parte del film è noiosa nella sua prevedibilità, nelle lunghe immagini dedicate alla follia che prende sempre più piede nella mente e nella vita di Heidi e veniamo trascinati in una sequenza di videoclip pseudo-provocatori, ricchi di simbologia e accompagnati da accordi da mal di testa, di cui avremmo fatto davvero a meno.

Quindi annoiati e frastornati, per nulla catturati da una solida sceneggiatura o da una recitazione sopra le righe (se la cosa che ha catturato di più la mia attenzione – in un film che si spaccia dell’orrore – sono gli abiti e soprattutto le meravigliose calze indossate dalla protagonista, allora qualcosa davvero non quadra…), attendiamo tra mille sospiri l’inevitabile e scontato finale, che una volta sopraggiunto riesce a superare se stesso quanto a sterile volontà provocatoria (gli anni ’80 sono finiti da un pezzo!).

La sensazione è che Rob Zombie sia davvero su un pianeta tutto suo, in cui fa il bello e il brutto tempo noncurante di noi comuni mortali, oppure che ci stia prendendo in giro, sfoggiando con molti simboli e dettagli la propria conoscenza di storia ed esoterismo e spacciandoci i propri film come arte.  Il punto è che sino a quando gli incassi daranno ragione a lui, io posso solo dissentire e raccontare il motivo per cui il suo film dell’orrore non mi spaventa e non mi sorprende, insomma, non è nelle mie corde.

Voto: 4. Se cercate evasione, brividi e un film dall’impianto classico, forse dovreste prendere in considerazione altre opzioni.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi