Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Locarno 2013 – Fuori concorso: Signs of Life A Spell to Ward Off the Darkness

Locarno 2013 – Fuori concorso: Signs of Life A Spell to Ward Off the Darkness

© Festival del film Locarno

A Spell to Ward Off the Darkness ė uno di quei film che se visti alla mattina possono essere letali, anche se si ė ancora nelle prime giornate di Festival. In regia ci sono Ben Russell e Ben Rivers, apprezzato duo registico, non sufficiente a salvare un’opera che dopo la prima mezz’ora ti provoca una crisi di sonno senza possibilità di salvezza, perché brancoli nel buio e non stai comprendendo cosa stia capitando intorno a te.

Pochi i dialoghi e le spiegazioni, solo immagini a cavallo tra il documentario e la finta fiction che mostrano la quotidianità di una comunità pseudo-hippie, persa in quella che pare una delle tante zone incontaminate del nord Europa, in cui tutto scorre con normalità e nessuno pare curarsi della presenza di una telecamera. E solo con lo scoccare della prima ora infine si comprende chi sia il protagonista: un uomo silente e metidabondo, che si isola e alterna la sua quotidianità tra letture e pesca prima di intraprendere un nuovo percorso.

© Festival del film Locarno

Neppure le inquadrature aiutano a catturare l’attenzione dello spettatore sempre più provato dall’esperienza: solita camera a mano (per mia fortuna, neppure troppo tremula), nessuna dominante cromatica, noiose inquadrature prolisse su animaletti vari, pioggia, muschi e licheni, senza una spiegazione che le renda poco enigmatiche, e vi è la più totale assenza di ecletticità e di una colonna sonora che rimanga impressa nella nostra memoria. Solo stralci di vita, “perle” di saggezza non richieste e molti dubbi tra i quali se i registi fossero interessati a fare proselitismo, piacere agli altri o ricevere un consenso, perché l’impressione è che siano su un altro pianeta.

Insomma, “A Spell to Ward Off the Darkness” se fosse un documentario non sarebbe per nulla intrigante; se fosse una docu-fiction sarebbe noiosa; e qualora fosse un lungometraggio parrebbe inutile per quel messaggio talmente flebile da non venir percepito dai più. Perché un signore che per dieci minuti rimane immobile su una barca, probabilmente non interessa neppure al più sfegatato amante della solitudine, della meditazione e/o della natura incontaminata. Col risultato che tutto torna solo dopo aver letto con estrema curiosità le note di regia che, seppur illuminanti, non sono sufficienti a promuovere questo lavoro.

© Festival del film Locarno

Bocciato senza possibilità di salvezza: sempre favorevoli alla video-arte, alla contaminazione dei generi, alla sperimentazione ma se siamo a un festival del film, pretendiamo una pellicola con una trama oppure un documentario super-intrigante o, ancora, un’opera che sia dirompente e in ogni caso un lavoro solido come pochi altri in circolazione. Insomma, vogliamo gridare al genio, mentre qui si vuole solo scappare!

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi