Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Locarno 2013 – Concorso Internazionale: El Mudo (il Muto)

Locarno 2013 – Concorso Internazionale: El Mudo (il Muto)

© Festival del film Locarno

Il duro compito di aprire le proiezioni stampa del concorso internazionale è stato affidato al duo di registi peruviani Daniel e Diego Vega. Dopo un esordio nel mondo dei lungometraggi a dir poco da fuochi d’artificio (il loro “Octubre” vinse a Cannes 2010 il prestigioso premio della giuria di Un Certain Regard), presentano al 66° festival del film di Locarno la nuova fatica: “El Mudo”, letteralmente “Il Muto” e di una persona che ha perso la parola davvero si tratta.

Il giudice Constantino Zegarra (Fernando Bacilio) è un uomo puntiglioso, meticoloso, di poche parole, ma retto e corretto, purtroppo per lui di una rigidità che stride con i casi che gli si presentano difronte. Un giorno qualunque finisce in ospedale a causa di una pallottola vagante che lo centra mentre è fermo al semaforo. Da qui inizia il suo personale calvario fatto di silenzio imposto dalla lesione delle corde vocali e dal contestuale trasferimento in provincia. L’uomo provato dall’esperienza non può credere che la mala sorte si stia accanendo nei suoi confronti e inizia a credere di non essere stato vittima del caso bensì di un complotto dando il via alla sua personale caccia alle streghe.

© Festival del film Locarno

Inizia così un vero crollo: Constantino cede, viene meno a tutti i suoi principi e, pur di dimostrare di non essersi sbagliato, sviluppa un accanimento nei confronti di persone e luoghi. Un uomo solo con la sua follia, un modo per elaborare un trauma che non porta al superamento dell’evento bensì a creare i presupposti per ulteriori esperienze poco edificanti che sfiniranno/ trasfigureranno definitivamente il nostro sventurato eroe.

L’idea che un giudice s’improvvisi investigatore e quasi vendicatore non è nuova nel cinema, ma qui aveva un ampio potenziale data l’ambientazione (quelle aule di un Tribunale peruviano a cui non siamo per nulla abituati) e dati i presupposti (una routine fatta di gesti differenti dai nostri che dimostrano quanto Lima disti da qui). Dispiace quindi che il film risulti lento e trascinato in una spirale di follia tanto prevedibile quanto soporifera (il mutismo in cui versa il protagonista, di sicuro, non aiuta a tenerci vigili).

© Festival del film Locarno

Personaggi abbozzati, corruzioni menzionate ma non dimostrate, tradimenti nell’aria, errori e verità nascoste che si mescolano sino a creare in alcuni casi addirittura confusione nello spettatore che alla fine si ritrova a confrontare il proprio percepito con quello del vicino, versando in una surreale insicurezza. Inverosimile, infatti, credere che ciò fosse voluto dagli autori, pare più sintomo di polsi deboli e d’ingranaggi da oliare ancora un po’. I due registi sono ancora giovani, quindi nutriamo speranze per il futuro 🙂

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi