Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Locarno 2013: Il fanta-film Real non vince

Locarno 2013: Il fanta-film Real non vince

Mentre tutti sono intenti a scoprire qualcosa in più dei film che hanno vinto il Pardo ieri sera a Locarno, vi segnaliamo un film che a noi è piaciuto molto: Real

© Festival del film Locarno

In un futuro non troppo lontano Atsumi, disegnatrice di manga, ha il blocco creativo e tenta il suicidio. Le va male e finisce in coma per un anno, dopo di che i medici decidono di creare un collegamento neuronale con Koichi, amico d’infanzia e suo compagno nella vita, allo scopo di scoprire perché abbia fatto un gesto così estremo e nella remota possibilità di risvegliarla. Il risultato è l’inizio di un viaggio nella testa della ragazza, parliamo con lei anche se appare determinata unicamente a concludere i suoi disegni e a farsi portare uno schizzo fatto durante l’infanzia.

Inizia così il film “Real”, due abbondanti ore di lungometraggio fanta-giallo, ricco di suspense e tecnologia, etereo nella fotografia e nell’aspetto dei protagonisti, cui ogni inquadratura, ogni situazione è ricca di simboli. Un viaggio nella mente, nei ricordi e un caso da risolvere, un vero mistero con tante sorprese. Fin da subito appare una delle opere più solide della sezione in cui concorre ma, arrivando dal Far East, probabilmente, incontrerà il mio favore e quello di una manciata di altre persone, anche se il regista è oramai abituale frequentatore di Cannes e delle altre grandi kermesse cinematografiche del mondo.

© Festival del film Locarno

Con particolare predilezione per lo splatter, senza però (saggiamente) mai accarezzare l’horror, puntando solo sull’effetto sorpresa, il regista confeziona un’opera sorprendente, che dal romanzo “A perfect day for Plesiosaur” attinge la trama, la simbologia (personificazione delle paure, dell’inconscio e di molto altro) e grazie alla commistione di generi ci regala un’opera densa e intelligente che ogniqualvolta potrebbe scivolare nel ripetitivo, scontato o noioso, riesce a stupirci con una novità.

Grazie all’esperienza del regista e ad un cast di giovani attori affermati e molto noti in patria il film, che ha diviso la stampa durante la sua anteprima (l’unione con generi più commerciali non poteva raccogliere il plauso di quello zoccolo duro che non ammette digressioni o evoluzioni della settima arte), potrebbe invece essere in grado di raccogliere sia l’approvazione dei palati più esigenti – grazie al solido intreccio, all’abile regia e alla scenografia spettacolare – sia avvicinare curiosi e persone abituate ad un cinema leggero a un cinema più strutturato.

© Festival del film Locarno

Avventuroso, sorprendente, ricco, intelligente, attento viaggio nei meandri della mente e delle umane paure. Non è la adattamento nipponico di “Inception” né la versione moderna di Hitchcock, è solo una visione per nulla melodrammatica della lotta che spesso ognuno di noi deve fare con i propri demoni per andare avanti.
Voto: 7, un bel film che dimostra come anche la poesia possa essere accessibile a tutti.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi