/, Libri, Recensioni/Recensione La schiuma dei giorni di Boris Vian

Recensione La schiuma dei giorni di Boris Vian

By |2016-02-29T23:50:07+00:00settembre 10, 2013|Lettura, Libri, Recensioni|

la schiuma dei giorni boris vian

Una splendida edizione ad opera di Marcos y Marcos, impreziosita da una introduzione di Ivano Fossati e da una imperdibile intervista a Daniel Pennac.

Una copertina azzeccatissima e, come sempre, molto evocativa.

Una dedica tra le pi첫 memorabili della storia della letteratura: “Per me, ciccino mio”.

Una serie di giochi di parole francofone che devono essere stato l’incubo del traduttore (Gianni Turchetta, i miei complimenti!).

Un romanzo con trovate geniali in rapida successione: tra le altre, il piano da cocktail che prepara miscugli alcolici sulla base delle note suonate, una pista di pattinaggio killer, un cuoco geniale e sciupafemmine, due roditori che si fanno capire dagli umani con gesti e squittii.

Una ambientazione soffusa, di tempo e luogo lasciati volutamente sospesi tra passato e futuro, tra nuovo e vecchio mondo.

Una trama affascinante, una splendida storia d’amore, il racconto di una profonda amicizia ed una serie di eventi che vi terranno inchiodati alla pagina come non vi capitava da tempo.

In sottofondo, le note di Louis Armstrong in una canzone (“Chloe”) che regala il nome alla protagonista e che costituisce lo struggente accompagnamento a tutta la vicenda.

Eccoci qui. Signore e signori, ragazze e ragazzi, ho appena finito di presentarvi “La schiuma dei giorni”, un romanzo memorabile. Una di quelle occasioni in cui hai l’impressione che lo scrittore abbia voluto che fossi proprio TU ad accompagnarlo giorno dopo giorno nella lettura. Bello, proprio bello.

La citazione:

In un angolo della piazza Colin aspettava Chloe. La piazza era rotonda e c’erano una chiesa, dei piccioni, un giardinetto pubblico, delle panchine, e, dall’altro lato, automobili e autobus che correvano sull’asfalto. Anche il sole aspettava Chloe, ma lui poteva anche divertirsi a fare le ombre, a far germogliare dei semi di fagiolo selvatico negli interstizi più appropriati, a far sbattere le persiane e a far morire di vergogna un lampione che era stato acceso da un operaio dell’Azienda Elettrica soltanto per incoscienza.

P.S. Il romanzo è stato inserito nella lista dei 1001 libri da leggere a tutti i costi, e per una volta ci hanno azzeccato. Ah, se lo volete lo trovate qui

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi