//, Libri/Francesco Recami a Cormano il 24 ottobre

Francesco Recami a Cormano il 24 ottobre

By | 2016-02-29T23:49:32+00:00 ottobre 21, 2013|Lettura, Libri|

Mi capita sempre più spesso di suddividere gli scrittori che leggo un po’ come mi succedere di fare con i musicisti: ci sono quelli che, trovata una vena aurea, la continuano a sfruttare senza deviazioni, e c’è chi si impegna nella ricerca di qualcosa di differente ad ogni nuova uscita discografica.

Intendiamoci, nulla di male nel percorrere una coerentissima strada personale, soprattutto se il prodotto non brilla per originalità ma si dimostra ugualmente interessante o vincente; inevitabilmente, però, tendo a seguire con più attenzione autori di libri (o dischi!) più poliedrici o multivocali.

Francesco Recami è un autore che non si accontenta di produrre romanzi standardizzati, ed il piacere che emerge dalla lettura di un suo volume è, prima di tutto, il piacere dello scrivere. Non è un controsenso, se ci prestate attenzione: riuscire a trasmettere il sudore, l’inventiva, la caratterizzazione ed il lavoro che è sfondo di ogni opera narrativa coinvolgendo il lettore nel processo creativo con piacevolezza non è da tutti.

E per proseguire nella metafora musicale, Recami ha senza dubbio dato prova di avere note, ritmi, timbri sempre molto differenti nel suo spartito di scrittore.

I “giallonnivori” (‘sta definizione che si è affacciata adesso alle mie sinapsi mi paice molto e la userò spessissimo anche in futuro, sappiatelo..) conoscono lo scrittore fiorentino essenzialmente grazie ad Amedeo Consonni, pensionato, uomo di casa da ringhiera milanese, indagatore quasi per caso in un contesto che si fa, volume dopo volume, sempre più umano e vivido. E’ un sottofondo musicale che sta a metà fra il fado portoghese e la canzone popolare della nostra tradizione, così come sono invece le note lievi di una sorta di Brassens ad accompagnare il lettore tra le pagine di “Il ragazzo che leggeva Maigret”, con le sue atmosfere da provincia fintamente sonnecchiosa ed una galleria di personaggi (primo fra tutti Giulio, protagonista della vicenda) tanto strani-e-normali da risultare indimenticabili.

E poi torni indietro nel tempo, inseguendone la bibliografia, e scopri le tragedie del quotidiano ed una polemica sociale accompagnabile dalla chitarra del primo Guccini in “L’errore di Platini”, o il duro rock gotico che può fare da sottofondo a “Il correttore di bozze”, romanzo edificato su di una architettura assolutamente perfetta.

Giovedì 24 ottobre alle ore 21 presso la Biblioteca Civica Paolo Volonté di via Edison 8 a Cormano (Milano), Francesco Recami incontrerà i lettori presentando il suo ultimo romanzo (“Il segreto di Angela”, Sellerio Editore).
Ed io mi sento spassionatamente di ande a trovarlo, perchè l’uomo – sia detto senza timore – ha molto da dire.

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi