/, Libri, Recensioni/Recensione Dolci e viziosi di David Schickler

Recensione Dolci e viziosi di David Schickler

By | 2016-02-29T23:48:50+00:00 gennaio 18, 2014|Lettura, Libri, Recensioni|

dolci_e_viziosi

Era da tempo che non mi succedeva.

Il caso e la fortuna hanno voluto che fossi solo in casa, perchè sarebbe stata una scena agghiacciante per chiunque: vedere uno che strabuzza gli occhi, comincia a mormorare “no, No, NO, NOO, NOOO” con scala decibel crescente e nel frattempo balza a sedere sul letto, allontanando il libro che stava leggendo e ricomponendosi poi con fatica.

Ma andiamo con ordine: ho finito di leggere “Dolci e Viziosi”, il secondo romanzo che mi capita tra le mani di David Schickler. “Baciarsi a Manhattan”, scritto dallo stesso autore, mi aveva convinto un bel po’, e non vedevo dunque l’ora di gettarmi su questa sua seconda fatica letteraria. Dire che non ne sono rimasto deluso non rende sufficientemente bene l’idea.

Sarà che ho un debole per quelli che non si accontentano di un primo successo e cercano strade nuove nella loro narrativa.
Sarà che i due protagonisti del romanzo, un poco-di-buono-ma-con-una-morale ed una ragazza dalla storia e dai pensieri fulminanti, mi hanno conquistato fin dalle prime pagine.
Sarà che in alcuni passaggi ho avvertito il profumo della Bender.

Insomma, saranno pure tutte ‘ste cose, ma questa romanzo “on the road” che vira in due pagine dal tragico al drammatico, che fa sorridere ed anche commuovere un po’, che mostra – in due parole – Una Vita si candida potentemente a mia personalissima miglior lettura del 2014, e non siamo manco alla metà di gennaio.

E poi arrivi a quel momento lì, quello in cui son passato dal sussurro al grido. Mi saprete dire.

Insomma, dategli una possibilità perchè se la merita ampiamente. E mandatemi l’indirizzo mail di David Schickler che ho due o tre cose di cui ringraziarlo.


Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi