Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Film premiati in Berlinale: Calvary

Film premiati in Berlinale: Calvary

“Calvary” è un film dedicato ad un calvario, quello di un uomo, di una figlia, di un padre, di un marito, di una moglie, di una comunità e soprattutto del prete di paese. La storia si svolge in un piccolo villaggio irlandese, dove pare che chiunque viva una vita paragonabile a una Via Crucis, ma nessuna raggiunge i livelli di quella di James Lavelle e della persona che, inaspettatamente, un giorno si presenta nel suo confessionale. L’uomo misterioso non cerca alcuna assoluzione, al contrario, vuole solo comunicare una serie di fatti che motivano la sua volontà di ucciderlo la domenica successiva, dopo avergli concesso il tempo necessario per i saluti e per sistemare eventuali faccende pendenti.

© Berlinale
© Berlinale

L’intimidazione udita nella privacy della confessione sarà una minaccia da prendere sul serio, oppure lo sproloquio dell’ennesimo frustrato in cerca di attenzioni? E soprattutto, chi era esattamente seduto dall’altra parte della grata? Il padre confessore ha riconosciuto il suo interlocutore, ma non lo rivelerà a nessuno, e noi lo individueremo solo sul finale. Prima di ciò scopriremo, invece, gli altarini della popolazione locale: le frustrazioni, le bugie, le armonie ritrovate con singolari espedienti, e riconosciamo  un po’ delle nostre debolezze.

Lo script ė nato da una mente arguta e, soprattutto, nord europea (!) che, quindi, non ci risparmia freddure e black humour, cosa che ci ben dispone per il resto della giornata. “Calvary” ė una vera sofferenza per i protagonisti e per lo spettatore che, perfino quando sa cosa sta per accadere, si prende una bella sberla, tirata senza troppi convenevoli. Perché il cinema di quelle parti è così: quando parte un pugno, state certi che la vostra mandibola ne soffrirà e contemporaneamente vedrete volare in modo molto verosimile qualche dente.

Il film non è perfetto, ci sono dei passaggi in cui perde tono e il ritmo si affievolisce, però la luce, gli scorci delle terre d’Irlanda e il rapporto padre-figlia, sono delicati e sobri come piace a noi e temperano lo sgradevole pensiero in sottofondo sin dall’inizio, legato proprio al motivo per cui un innocente sarà ucciso durante il fine settimana seguente. Quindi non sono previsti sconti, sconto, però ci viene risparmiato il melodramma e il tentativo di inculcarci un’opinione sulla legittimità o meno delle azioni di tutti e del reo-confesso, in particolare.

© Berlinale
© Berlinale

L’opera è godibile e, infatti, si è aggiudicata il premio della giuria ecumenica che, dato l’argomento trattato e l’abito indossato dal protagonista, direi sia un successo. Sufficienza raggiunta e, se mai un giorno dovesse arrivare nel Mare Nostrum, vale il tentativo.

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi