Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione Il fondamentalista riluttante di Mohsin Hamid

Recensione Il fondamentalista riluttante di Mohsin Hamid

il fondamentalista riluttante

Ci sono romanzi che suscitano domande esistenziali, altri che ti lasciano dentro interrogativi non risolti di carattere morale (e sto pensando a “Le benevole” di Jonathan Littell).

E poi ci sono romanzi in grado di affrescare un’epoca – addirittura quella contemporanea – con la forza di un pamphlet storico e la scorrevolezza di un’opera di grande narrativa. “Il fondamentalista riluttante”, seconda fatica letteraria del pakistano Mohsin Hamid, si iscrive con pieno merito a questo gruppo: una lettura inderogabile per chi stia cercando un punto di vista differente da quello più vicino alla nostra visione del mondo ed una risposta “vista dall’altra parte del muro” ai più pressanti interrogativi dei nostri giorni (“è possibile una integrazione e un dialogo Islam – Occidente o lo scontro di culture è del tutto inevitabile?”).

Certo, c’è da armarsi di buona volontà e bisogna essere pronti ad inghiottire qualche amaro boccone: avete presente le interminabili discussioni con un amico che la pensa in maniera radicalmente diversa da te, e di cui fatichi ad accettare il punto di vista o le motivazione? Ecco.

La trama – efficace la scelta di un dialogo fra due personaggi che si tramuta in realtà in monologo – racconta la storia di Changez, giovane pakistano volato negli Stati Uniti a completare la sua formazione accademica e successivamente inseritosi con successo nella vita lavorativa del paese ospite. Un rientro in patria, un lavoro che sembra riassumere i mali del capitalismo e – forse soprattutto – una storia d’amore intensa e maledetta faranno scattare nel giovane una nuova consapevolezza, a metà tra un recupero della propria identità musulmana ed un rigurgito anti-occidentale.

Cerco di controllarmi e non spendo una parola sul finale, che regala al romanzo una stellina anobiiana in più; complessivamente la sensazione generale è positiva, il romanzo corre via in un paio di serate e costringe ad una riflessione sul labile confine tra verità e propaganda storica, in entrambi gli schieramenti. E dedicare del tempo a pagine che facciano riflettere non può mai essere un fatto negativo.

Alfonso d’Agostino


Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi