Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Il film Nottetempo di Francesco Prisco

Il film Nottetempo di Francesco Prisco

Nottetempo_poster

Siamo a Napoli, è un giorno qualunque e assistiamo a un controllo di polizia su un pullman. Ore dopo siamo sempre in compagnia degli stessi due poliziotti quando ritrovano il medesimo bus in un fosso. I passeggeri sono in pessime condizioni e c’è il rischio che esploda. Un agente chiama i soccorsi mentre l’altro si getta in un folle salvataggio grazie al quale libera dalle lamiere una ragazza, Assia (Nina Torresi), una giovane segretamente innamorata proprio di quel poliziotto bello e tenebroso arrivato dal Nord. E in Trentino Alto Adige Matteo (Giorgio Pasotti), il nostro protagonista, subito dopo quella notte decide di far ritorno.

La storia di “Nottetempo” ci porta, infatti, sino a Bolzano alla scoperta del passato di Matteo che da quell’incidente ne esce scosso, in  un certo senso risvegliato da un torpore che lo avvolgeva da troppo tempo, e ora non può più aspettare: tante le cose in sospeso, alcune risolvibili, altre migliorabili, ma le più importanti insanabili e fonte di guai. Non ci vuole molto, infatti, prima che i nodi vengano al pettine e… un capriccio, una piccola bugia, una decisione affrettata dopo l’altra lo condurranno in una via senza uscita.

Nottetempo - Giorgio Pasotti e Nina Torresi
Nottetempo – Nina Torresi e Giorgio Pasotti

Il film di Francesco Prisco è un esordio: dopo essersi fatto le ossa con i corti, oggi fa il grande salto con tanto di benedizione della Regione Trentino. Il regista sceglie di entrare nel mondo del lungometraggio parlando di decisioni impulsive prese nottetempo, appunto, e di amore non corrisposto, non espresso e/o rivendicato nell’oscurità della sera. Una giovane all’inseguimento di un sogno, un attore di cabaret sul viale del tramonto in cerca di pace interiore, e un uomo che si riscopre adulto e responsabile nell’arco di una notte, sono i tre protagonisti di questa strana storia che ai nostri occhi è sembrata un po’ noir, melò e molto retrò.

Strizzando l’occhiolino al periodo a cavallo tra gli anni ’70 e gli anni ’80 e ai vezzi del cinema poliziesco dell’epoca, Francesco Prisco concede poche battute e impone spesso gli occhiali da sole a Giorgio Pasotti, il quale si ritrova a dover reggere sulle sue spalle una storia di sentimenti oscura e narrata con un andamento lento.

Nottetempo_Giorgio Pasotti_courtesy of Videa CDE
Nottetempo – Giorgio Pasotti

Il film è adatto a quella fascia di pubblico che potremmo chiamare nostalgica, affezionatissima al tubo catodico, sempre alla ricerca di quelle emozioni che la televisione gli ha regalato in gioventù, e decisamente non pronta a fronteggiare la nuova era ricca di meraviglie tecnologiche.

“Nottetempo” appare, invece, inadatto alle giovani generazioni, agli ammalati di adrenalina e a chi ha bisogno di dialoghi dai ritmi serrati. Troppi i sospiri, gli sguardi persi, le situazioni stereotipate un po’ da fotoromanzo e/o ai limiti del surreale, soprattutto per chi – come la sottoscritta – è stato formattato oltre oceano. Non perdo la speranza, probabilmente in futuro andrà meglio.

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi