Ma se domani... > Libri > Recensioni > Ausmerzen, il racconto di Marco Paolini

Ausmerzen, il racconto di Marco Paolini

ausmerzen

Se dico Dachau, Auschwitz e Buchenwald risveglio immagini e ricordi tragici profondamente presenti in ognuno di voi.

Ma se vi dicessi Grafeneck, Sonnenstein, Hadamar o Bernburg? Forse qualche punto interrogativo potrebbe spuntare sui vostri visi.

Ad eliminare i punti di domanda e a sostituirli con orribili punti esclamativi di conoscenza e di recupero della memoria storica è Marco Paolini con uno spettacolo teatrale ed un libro dallo stesso titolo (“Ausmerzen”) che raccontano i tragici influssi sulla ideologia nazista di idee eugenetiche in realtà anche precedenti, e che con i folli piani di un gruppo di medici, psichiatri e gerarchi portò allo sterminio di quasi 300.000 malati mentali in Germania e nelle terre via via occupate dalle truppe tedesche.

“Ausmerzen” è, come tutta la narrativa teatrale di denuncia di Paolini, un libro intenso e bellissimo. Naturalmente agghiacciante nei contenuti, ma in grado di rispondere ad un fondamentale requisito che trasforma le pagine scritte in esperienza ed emozione: l’autore riesce a costringere il lettore ad una picchiata aviatoria, che lo conduce dai cieli delle cifre astratte al riconoscimento del singolo dramma, della singola persona. La mole di dati presentati è senza alcun dubbio enorme, come enorme è lo sdegno del lettore fin dalle prime battute; ma è quando ti rendi conto che l’ideologia si è fatta storia, che l’attacco generico al diverso ed al più debole è divenuta fabbrica di morte che lo sdegno si trasforma in raccia cieca prima e in necessità di capire poi.

Perchè l’eugenetica – “lo studio dei metodi volti al perfezionamento della specie umana attraverso selezioni artificiali operate tramite la promozione dei caratteri fisici e mentali ritenuti positivi e la rimozione di quelli negativi”, citando Wikipedia – ha radici che si sviluppano ben prima della Germania hitleriana. Ha origini antiche ed estimatori insospettabili: da Alexander Graham Bell, a cui non bastava aver cercato di scippare a Meucci l’invenzione del telefono fino a Konrad Lorenz, di cui leggerete parole agghiaccianti. Si radica, direi generalizzando fortemente, in una certa scienza positivista.

Sia chiaro: l’orribile e disumana applicazione da parte del regime totalitario nazista di quelle idee già teorizzate restano il capitolo più orrendo della nostra storia di bipedi. Ma credo che il lavoro di Paolini possa essere utile non soltanto per riportare alla memoria pagine storiche meno raccontate ma anche a far riflettere su come alcune follie poggino su un substrato “culturale” a cui bisogna sempre (sempre!) fare particolare attenzione.

Le citazioni:

Il vescovo Van Galen, una delle poche voci che si alzò contro la politica del governo nazista di eutanasia, disse “Hai tu, ho io il diritto alla vita solo finché siamo produttivi, ritenuti produttivi da altri?”.

“Bisogna investire nell’educazione. Non è un vaccino, l’educazione.E’ come una profilassi contro certe infezioni”

Scheda libro
Titolo: Ausmerzen. Vite indegne di essere vissute
Autore: Marco Paolini
Editore: Einaudi
Collana: Stile Libero BIG
Pagine: 176
ISBN: 9788806210175

Clicca qui per leggere gratuitamente le prime pagine del libro

Clicca qui per acquistare “Ausmerzen. Vite indegne di essere vissute con il 15% di sconto


Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi