Ma se domani... > Cinema > Anteprima > 24° FCAAAL: dalla Thailandia THE SONGS OF RICE

24° FCAAAL: dalla Thailandia THE SONGS OF RICE

Sono lombarda e ho un nonno del Monferrato, il riso è parte sostanziale delle mie radici familiari, del mio paesaggio quotidiano e della mia mensa. E credo che il verde dei campi di riso giovane sia il colore più bello che c’è.

The Green Rice Fields of Vercelli - Photo of Andrea Caranti
Campi di riso presso Vercelli – Foto di Andrea Caranti

Per questi geni curiosamente in comune mi sono perciò sentita particolarmente coinvolta dalla visione di THE SONGS OF RICE, un documentario quasi senza dialoghi, la cui colonna sonora è in parte composta dai suoni della natura e da quelli delle macchine mieti-trebbiatrici (ormai la coltivazione è meccanizzata anche in Thailandia). E poi ci sono le canzoni: canzoni che lodano la qualità del riso, che parlano della raccolta, e della lavorazione, e delle ricette; e poi filastrocche per bambini, e persino canzoni d’amore che parlano del riso. Il riso è parte essenziale non solo dell’alimentazione, ma di tutta la vita quotidiana thailandese. Ogni stagione dell’anno corrisponde a diversi stadi della coltivazione. Ogni momento nella vita agricola – l’aratura, la semina, il trapianto, l’allagamento e il prosciugamento delle risaie e, naturalmente, il raccolto – è preceduto e seguito da cerimonie, riti e processioni accompagnati da inni religiosi.

The Song of Rice_Still_Photo: courtesy of 24° FCAAAL
Photo: courtesy of 24° FCAAAL

Il momento massimo lo si raggiunge nelle feste del raccolto, con cerimonie e offerte ai templi, cortei, canti e danze in cui vengono coinvolti per molti giorni interi paesi, che fanno a gara nel celebrare l’evento con spettacolosi giochi pirotecnici in pieno giorno.

Il regista Uruphong Raksasad - Photo: courtesy of 24° FCAAAL
Il regista Uruphong Raksasad
Photo: courtesy of 24° FCAAAL

Il regista Uruphong Raksasad viene da una famiglia di coltivatori e in ogni inquadratura si vede che sa bene di che parla. Racconta con competenza e affetto la dura vita dei contadini, le loro fatiche e speranze, il loro profondo legame con la terra. E con gentile umorismo ci mostra piccoli momenti quotidiani: le tragicomiche corse sui bufali; i ragazzini che nei campi precedono le mietitrebbia a caccia di topi, che incastrandosi nelle lame le potrebbero seriamente danneggiare; l’elegantissima e ingioiellata signora, probabilmente una cittadina tornata per l’occasione al paese, che danza a piedi nudi insieme alle altre donne sfoggiando l’auricolare bluetooth; la laboriosa preparazione dei giochi pirotecnici, con l’allegria per la riuscita e la delusione per il fallimento. Istantanee di un Paese dalle tradizioni millenarie che nemmeno la mondializzazione è stata in grado di infrangere.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi